Bitwise ha ritirato la sua proposta di ETF su bitcoin
Bitwise ha ritirato la sua proposta di ETF su bitcoin
Bitcoin

Bitwise ha ritirato la sua proposta di ETF su bitcoin

By Marco Cavicchioli - 15 Gen 2020

Chevron down

È ufficiale: Bitwise ha scritto alla SEC per chiedere il ritiro della sua proposta per degli ETF su bitcoin. 

Nei mesi scorsi lo avevano già fatto sia VanEck/SolidX, sia Cboe, e anche in questo caso pare si tratti di una mossa per poterne riformulare un’altra in futuro. 

Il capo della ricerca globale di Bitwise, Matt Hougan, ha dichiarato:

“Abbiamo effettivamente ritirato la domanda. Questa è una fase procedurale e intendiamo riformulare la nostra domanda al momento opportuno”. 

Lo stesso Hougan infatti ha rivelato che stanno lavorando per rispondere ai dubbi sollevati dalla SEC, e che in realtà non sono intenzionati ad abbandonare la strada dello sviluppo di un tale prodotto finanziario. Tuttavia ad oggi non sono note le tempistiche di un’eventuale riproposizione della domanda in altra forma. 

Nella nota inviata alla SEC la società spiega che questa decisione è coerente con l’interesse pubblico e la protezione degli investitori. 

La società lavora ad un ETF su bitcoin già almeno da gennaio dello scorso anno, quando presentò una prima proposta alla SEC. Da allora, come rivela Hougan, si sono svolti otto incontri tra Bitwise e la stessa SEC, con la produzione di oltre 500 pagine di documentazione, compresa una presentazione sui volumi fasulli sui mercati di scambio di bitcoin. 

Nonostante ciò la SEC non si è lasciata convincere, e così anche Bitwise, come VanEck/SolidX e Cboe, ha preferito ritirare la sua richiesta in modo da avere tutto il tempo per proporne un’altra. 

Pare che ormai l’ostacolo principale siano proprio i dubbi sulla manipolazione del mercato degli scambi di BTC, e quindi sul modo con cui viene definito il suo prezzo, tanto che lo stesso presidente della SEC, Jay Clayton, ha dichiarato esplicitamente che non crede potrà mai essere approvato un ETF su bitcoin fino a quando non saranno sciolti proprio questi specifici dubbi. 

Inoltre, visto che da questo punto di vista non si osservano significativi passi in avanti, la vicenda dell’approvazione degli ETF su bitcoin negli USA sembra essere in una fase di stallo da cui per ora non si intravede l’uscita. 

Curioso invece che l’altra agenzia pubblica americana che vigila sui mercati finanziari, la CFTC, non abbia mai sollevato questo genere di dubbi, ed abbia invece approvato ad esempio diversi contratti future su bitcoin. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.