EOS: una nuova risorsa per gestire gli smart contract
EOS: una nuova risorsa per gestire gli smart contract
Blockchain

EOS: una nuova risorsa per gestire gli smart contract

By Alfredo de Candia - 26 Feb 2020

Chevron down

Negli ultimi giorni la comunità di EOS è venuta a conoscenza di una possibile nuova risorsa per gestire gli smart contract che potrebbe affiancare quelle già esistenti alla RAM, CPU e NET, chiamata DISK

Il fermento e i dubbi sono stati sciolti dal tweet di poche ore fa pubblicato dal CTO di Block.one, Daniel Larimer, che ha confermato che eosio avrà una risorsa di tipo hardware pensata per gestire una quantità di dati non indifferente: 

La risorsa permetterà di gestire e traslare gli smart contract in uno spazio dedicato, visto che attualmente vengono caricati all’interno della RAM, e questo permetterà sia di eliminare il costo per comprare grandi quantità di RAM sia di alleggerire la blockchain poiché si consumerà una risorsa fisica e non virtuale. 

Infatti, non solo sarà conveniente rispetto alla RAM, visto che consumerà CPU che ha un costo inferiore soprattutto se comprato su REX (Resource Exchange) che permette di prendere in prestito grandi quantità di risorse a poco prezzo, ma un altro vantaggio sarà la capacità di immagazzinare informazioni quasi illimitate. 

Siamo in presenza di una soluzione davvero efficace tesa a rendere più economico lo sviluppo di smart contract sulla blockchain di EOS, permettendo di potenziare e migliorare gli smart contract che ci sono attualmente.

Pensiamo ad esempio ad una game dApp che necessita di dati e strutture pesanti, oppure al social network decentralizzato Voice

Inoltre, si tratta di una soluzione on-chain e non off-chain, quindi si può utilizzare anche per le sister chain di EOS, come ad esempio Telos (TLOS), portando un vantaggio non indifferente anche nei confronti di altre blockchain. 

Nelle ultime ore sono anche stati bruciati oltre 34 milioni di EOS dal valore di oltre 130 milioni di dollari, cosa è stata fatta subito dopo la riduzione dell’inflazione della crypto.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.