“;}
?>

Blockchain e il settore no profit: verso un futuro decentralizzato
Blockchain e il settore no profit: verso un futuro decentralizzato
Blockchain

Blockchain e il settore no profit: verso un futuro decentralizzato

By Giovanni Brafa - 3 Mar 2020

Chevron down

Come può la blockchain aiutare le attività no-profit? Bitcoin ha goduto di un enorme successo con la propria capitalizzazione che ha raggiunto i 10 miliardi di dollari nel 2016. Questo risultato ha contribuito a introdurre l’impatto dirompente della blockchain, la tecnologia alla base del successo di Bitcoin.

La tecnologia blockchain è una struttura di archiviazione dati in cui le transazioni avvengono senza l’intervento di terzi. Introdotta nel 2008, si differenzia dalle altre tecnologie di transazione perché si basa su un libro mastro pubblico, dove le transazioni effettuate sono memorizzate in un elenco di blocchi. In poche parole, la catena cresce ogni volta che vi si aggiungono nuovi blocchi. 

Al giorno d’oggi accade costantemente. La crittografia asimmetrica, così come gli algoritmi di consenso distribuito, sono stati implementati per garantire la coerenza del libro mastro e la sicurezza dell’utente. È importante concentrarsi su alcune caratteristiche chiave come la decentralizzazione, la persistenza e l’anonimato, elementi che possono influire in modo significativo sui costi e potenzialmente aumentare l’efficienza della maggior parte delle transazioni. In particolare, questo documento mira ad illustrare come la tecnologia blockchain possa aiutare gli attori no-profit ad avere prestazioni migliori. 

Il libro di Kevin Werbach “The Blockchain and the New Architecture of Trust” (MIT Press, 2018), in risposta all’idea che la blockchain è una tecnologia radicale che rende obsoleto il governo, spiega come la blockchain dipenda dalla coesione sociale, dalla stabilità politica e dallo stato di diritto che i governi sono chiamati a fornire.

Sostiene anche che:

“La legge ha molto da offrire alla blockchain community. Le preoccupazioni per il riciclaggio di denaro sporco, la protezione dei consumatori e la stabilità finanziaria non svaniscono neanche quando la crittografia funziona come promesso. La tassazione non diventa inutile in presenza di un nuovo meccanismo per spostare il denaro di nascosto. Le controversie non scompaiono perché un computer può eseguire una transazione senza l’intervento umano. I malintenzionati continueranno a comportarsi male. Tutti questi scenari daranno luogo a richieste di azioni legali o normative. Alcuni saranno giustificati. Se la community rifiuta categoricamente ogni sforzo per assicurare il rispetto degli obblighi legali, la blockchain sarà una tecnologia fuorilegge, attiva negli spazi oscuri online ma largamente irrilevante per l’economia mainstream. Sarebbe un tragico spreco di potenziale”.

La domanda viene spontanea: come può la tecnologia blockchain aiutare i “buoni attori”? Una valida prospettiva è fornita dall’esperienza di AID:Tech. La missione dell’azienda è quella di portare l’inclusione sociale e finanziaria a chi è poco informato e sprovveduto nei confronti del settore blockchain (Niall Dennehy, TedX 2018).  Uno dei temi più caldi per le organizzazioni no profit è quello di confermare in modo determinante dove, come e a chi sono andati i soldi dei donatori. Nel dicembre 2015 è stato lanciato un prototipo, AID:Tech ha collaborato con la Croce Rossa irlandese per implementare un nuovo strumento in grado di fornire aiuti internazionali ai rifugiati siriani in Libano. La tecnologia Blockchain ha introdotto trasparenza e tracciabilità nei processi di gestione degli aiuti.

Più precisamente, ha reso disponibili i dati rilevanti in tutte le fasi e ha ridotto gli oneri amministrativi. Questo progetto ha inaugurato una nuova generazione di interazioni tra aiuti umanitari e tecnologia blockchain, sfide chiave come l’efficienza e la trasparenza che riguardano direttamente alcune aree di interesse non profit come l’erogazione del welfare, la fornitura di assistenza sanitaria digitale e il pagamento delle rimesse internazionali. 

Per questo motivo, AID:Tech ha stretto numerose partnership con le più importanti entità del settore come l’ONU, l’IFRC, MasterCard e Citi. Le strategie di questi giganti del business hanno quindi indirizzato le loro strategie verso il percorso tracciato dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) per il 2030. Più precisamente possiamo elencare le seguenti:

  • SDG 16.9 – fornire l’identità giuridica per tutti, compresa la registrazione delle nascite;  
  • SDG 3 – assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età;  
  • SDG 10.C – ridurre a meno del tre per cento i costi di transazione delle rimesse dei migranti ed eliminare i corridoi di rimesse con costi più alti del cinque per cento;  
  • SDG 17.17 – incoraggiare e promuovere efficaci partenariati.

La tecnologia blockchain può svolgere un ruolo significativo nell’affrontare le attuali sfide globali.  Può accelerare il ritmo dello sviluppo globale, sia nelle aree industrializzate che in quelle in via di sviluppo: per quanto riguarda le prime, la blockchain permette di effettuare i pagamenti senza intermediari, migliorando così vari servizi finanziari come i beni digitali, le rimesse e i pagamenti online, gli smart contract, i servizi pubblici e così via. 

Nel secondo caso, si potrebbe assistere a un rapido processo di innovazione, consentendo alle economie in via di sviluppo di superare le barriere infrastrutturali. Il progetto della Fondazione PharmAccess relativo alla fornitura di servizi sanitari digitali alle donne in Tanzania e l’introduzione di rimesse transfrontaliere accessibili e tracciabili per la diaspora serba sono altri esempi concreti. 

Come tutte le innovazioni rivoluzionarie, la tecnologia blockchain è uno strumento potente, ma lontano dal rappresentare la panacea di tutti i problemi della società. Deve incarnare alcuni valori positivi per raggiungere un progresso sostenibile. In questo senso, è utile studiare l’introduzione delle cosiddette ”colored coins” e del denaro qualificato.

Si tratta di criptovalute progettate per incanalare i principi morali nel codice delle tecnologie del libro mastro distribuito – distributed ledger technologies (DLT). Per esempio, la CarbonCoin è stata progettata per coinvolgere la comunità ambientalista; sono state anche impiegate diverse criptovalute islamiche basate su Blockchain, le cui transazioni sono allineate ai valori musulmani, che spesso includono un’agenda anti-radicalizzazione. Pertanto, la Blockchain “può essere una manna per le economie in via di sviluppo o politicamente instabili” (Kewell 2017). 

Anzi, essa opera all’interno di uno scenario politico complesso e divisorio: può quindi essere utilizzata per sostenere sia i valori liberali che quelli radicali. È la pericolosa strumentalizzazione ad essere in agguato dietro l’angolo. 

A questo proposito, è importante esaminare più da vicino il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) dell’Unione Europea. Questioni come la proprietà dei dati, la prevenzione dell’uso improprio dei dati e l’attuazione del diritto all’oblio riempiono gli ampi dossier che si trovano sulle scrivanie della Commissione. La mancanza di un quadro legislativo ben strutturato suggerisce che c’è ancora molto lavoro da fare in termini di difesa e di definizione delle politiche. Un buon primo passo è stato fatto dalla fondazione Linux: affrontando le preoccupazioni menzionate sopra, l’organizzazione non profit rappresenta “una guida per fissare la visione e i principi per consentire il successo della blockchain per il bene comune”. (Baird et al. 2016). 

Gli standard che la società ha proposto sono probabilmente i più affidabili. È ancora difficile valutarli come i più desiderabili, perché le caratteristiche dirompenti della blockchain mettono in discussione l’efficacia di tutte le normative sviluppate in precedenza. I governi e gli esperti devono collaborare per garantire che le tecnologie blockchain siano conformi al diritto umanitario internazionale e alle leggi sui diritti umani; qualsiasi innovazione tecnologica è già tenuta a rispettare alcuni principi fondamentali, come:

  • l’umanità,
  • l’imparzialità,
  • la neutralità,
  • l’indipendenza.

Un cambiamento di paradigma è prevedibile, ma sono molte le avversità in gioco.  

 Gli ostacoli più significativi alla scalabilità della blockchain sono l’enorme bisogno di elettricità, server, computer e connessioni stabili a Internet (Purvis 2017). Molti sono i paesi in cui la blockchain potrebbe aiutare a superare la loro disgrazia, il paradosso sorge quando la mancanza di infrastrutture stesse sta impedendo e allo stesso tempo sollecitando l’uso della tecnologia blockchain. 

Fortunatamente, questi paesi sono stati testimoni di alcune iniziative coraggiose che stanno cercando di superare queste barriere: Lo scambio ONG è uno dei più efficaci. La missione dell’azienda è quella di dedurre dal settore profit una soluzione che permetta alle organizzazioni di beneficenza di rivoluzionare il modo in cui vengono effettuati i pagamenti.

La NGO Coin è una criptovaluta ancorata 1 a 1 al dollaro, che risulta dalle ultime innovazioni tecnologiche di Ethereum. NGO Coin favorirà la circolazione dei fondi delle ONG a livello globale, consentendo la produzione di transazioni grazie a un libro mastro digitale verificabile e crittograficamente sicuro.

L’obiettivo è quello di fornire un modello rivoluzionario per la finanza e le operazioni senza scopo di lucro: Permette a tutte le organizzazioni non governative di gestire facilmente il denaro e il tempo, concentrando gli sforzi sui programmi che contano per loro e per i loro donatori. Aggiunge conformità e trasparenza, rispetto alle ingombranti transazioni tradizionali.  

In sostanza, l’utilizzo della tecnologia blockchain nei settori dello sviluppo e degli affari umanitari dipende dal rispetto di alcuni criteri che ne certificano l’idoneità. Le seguenti domande possono aiutare il lettore a comprendere gli attuali dilemmi che gli esperti si trovano ad affrontare quotidianamente.

I benefici superano i costi di sviluppo e di scalabilità della tecnologia blockchain? La decentralizzazione e la fiducia incorporata attraverso la trasparenza è una caratteristica necessaria della nuova tecnologia? Il Digital Ledger deve essere immutabile? Le caratteristiche della nuova tecnologia sono conformi alle norme di legge, ai principi umanitari e ai codici di condotta professionali? 

Se la risposta a una delle domande precedenti è un NO, forse la blockchain non è lo strumento giusto per ottenere una soluzione ai problemi che un ente impegnato nel settore umanitario vorrebbe cercare di risolvere. D’altra parte, il lettore è ora consapevole che la tecnologia Blockchain può essere una grande risorsa per affrontare molte delle attuali sfide in via di sviluppo. 

Sicuramente, la progettazione e l’applicazione onesta del libro mastro digitale, la sinergia con i governi e le istituzioni, e la condanna di tutti gli abusi criminali della blockchain sono solo alcuni dei passi necessari da compiere per liberare il suo potenziale dirompente. L’impatto sociale della blockchain è già documentato, il progetto per un nuovo futuro decentralizzato è davanti ai nostri occhi. 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.