Algorand Co-Chains: la versione permissioned di Algorand
Algorand Co-Chains: la versione permissioned di Algorand
Blockchain

Algorand Co-Chains: la versione permissioned di Algorand

By Alfredo de Candia - 17 Mar 2020

Chevron down

Poche ore fa è stato pubblicato un post molto dettagliato riguardo la blockchain di Algorand (ALGO), spiegando la novità delle co-chains.

La blockchain di Algorand è famosa per utilizzare il protocollo Pure Proof of Stake (PPoS) che permette in teoria di risolvere il fatidico “trilemma della blockchain” e quindi di avere scalabilità, decentralizzazione e sicurezza, senza che si comprometta un valore rispetto ad un altro.

Si tratta di una blockchain permissionless e quindi pubblica e trasparente come vogliono i principi di questo settore, ma purtroppo spesso questi collidono con le esigenze delle aziende che vogliono poter sfruttare questa tecnologia con più rispetto della privacy e quindi meno trasparenza dei dati.

Come funziona Algorand Co-chains?

Ed è proprio qui che Algorand Co-Chains interviene: si tratterà di una blockchain permissioned ed indipendente dalla catena madre per permettere di rendere private le transazioni che avvengono al suo interno, allo stesso tempo inter-operando con la catena principale per fare transazioni da e verso la blockchain permissioned.

Infatti, la relativa blockchain, basandosi sullo stesso protocollo di quella principale, vuole ottenere vantaggi esponenziali per i casi d’uso delle aziende.

Il prezzo attuale di ALGO si aggira intorno a $ 0,12 e con il suo market cap si attesta alla posizione 47 di CoinMarketCap.

Difficile dire se nel lungo periodo Algorand possa imporsi con il suo innovativo protocollo, anche perché è attiva da meno di 1 anno e solo un paio di mesi fa è avvenuto l’aggiornamento

Di recente Algorand aveva anche stretto una collaborazione con l’exchange Bitfinex per far sbarcare la stablecoin Tether sulla propria blockchain, ampliando così l’offerta di USDT che ora è supportato da Tron, Omni, Ethereum ed EOS.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.