banner
Bitcoin SV: cresce l’hashrate ma in modalità invisibile
Bitcoin SV: cresce l’hashrate ma in modalità invisibile
Mining

Bitcoin SV: cresce l’hashrate ma in modalità invisibile

By Lorenzo Dalvit - 25 Mar 2020

Chevron down

Da qualche giorno sono apparsi un numero elevato di ASIC collegati al mining della blockchain di Bitcoin SV, facendone crescere l’hashrate. Non rivelano la loro identità, usando la modalità invisibile

La nuova hashrate sulla catena BSV è identificata grazie al codice Bitcoin, il quale registra l’hashpower dedicato al mining ad ogni blocco scoperto.

BSV hashpower

Come si può osservare grazie al servizio di Coin Dance, la potenza di calcolo indicata come other mining pools” è superato ampiamente il 50%.

L’evento è accaduto poco tempo dopo il crollo dei prezzi di BTC. Ciò che ha stupito gli osservatori è il fatto che i blocchi scoperti dai miners sconosciuti non collezionano fee di transazione, quindi la corrente messa a disposizione per il calcolo è premiata solo dal block reward in BSV.

C’è chi prende questa operazione scherzosamente convinto che si tratti di uno sberleffo, altri che osservano la pericolosità di un probabile 51% attack, solo nel caso in cui la pool sia controllata da pochi miners in combutta contro BSV. 

C’è chi invece preferisce vedere l’operazione come una scommessa su BSV e sulla crescita del suo valore futuro, indicazione che giustificherebbe la scelta dei miner sconosciuti di minare ora, prima del dimezzamento su BSV che avverrà tra 15 giorni.

BSV profitability

L’halving si avvicina per tutti gli sha256, dopo una crescita entusiasmante dell’hashrate di Bitcoin stiamo vivendo un momento molto particolare.

Il prezzo è crollato a causa del cash out innescato da Covid19 e la difficoltà su BTC è aumentata grazie all’aumento degli asics collegati alla rete in competizione per il ricevimento del reward.

Ciò significa che la profittabilità del mining è diminuita su BTC che detiene una grossa fetta dell’hashrate sha256 disponibile sul mercato.

Dalla nascita di BSV, tralasciando le questioni legate alla decentralizzazione, ai brevetti di  Nchain, Craig Wright e tutto il crypto-drama a cui abbiamo assistito, un mero calcolo di convenienza vede BSV sempre più interessante nel breve periodo per quanto riguarda la profittabilità.

BSV vs BTC profitability

Proprio come BCH e BTC, ogni 210.000 blocchi i minatori BSV vedono una riduzione della ricompensa e le ricompense dei minatori BSV scenderanno da 12,5 BSV a 6,25 per blocco. 

Al momento, i minatori che contribuiscono al resto dell’hashrate di BSV includono Taal, Coingeek, Viabtc, Prohashing, Mining-dutch, Mempool, Svpool, Sigmapool e Poolin.

La rete subirà una riduzione del premio per il blocco tra 15 giorni. Molto prima di BTC che necessita di ancora 46 giorni per l’halving. Tale differenza è dovuta al primo fork che ha visto BCH staccarsi da BTC.

Nonostante la costante polemica, Bitcoin SV ha guadagnato oltre il 178% nell’ultimo anno.

C’è chi sostiene che il prezzo sia stato manipolato, ma la storia insegna che su Bitcoin, qualsiasi esso sia, capita di sentire spesso questo genere di asserzioni.

La catena BSV è sempre stata circondata da polemiche, sin dal momento del fork, la maggior parte dei dati delle transazioni della catena deriva da un applicazione simile a Twitter chiamata Twetch e da una piattaforma meteorologica che registra i dati meteorologici. Coin Metrics ha riferito lo scorso luglio che il 96% delle transazioni BSV derivava dall’applicazione WhaterSV. Nelle ultime 24 ore, la catena BSV ha elaborato 599.851 transazioni con una dimensione media dei blocchi intorno a 1.795 MB.

I minatori BTC si trovano ad affrontare un futuro in rapido avvicinamento in cui il prezzo di mercato della coin potrebbe non aumentare abbastanza per coprire i costi. 

Mentre i mercati finanziari affrontano una possibile recessione globale, gli investitori non si sono ancora precipitati ad acquistare BTC. 

Se i processori continuano a supportare la rete Bitcoin BTC, dovranno eseguire il doppio del numero di calcoli con un corrispondente aumento del consumo di elettricità, per guadagnare la stessa quantità di Bitcoin che stanno ricevendo oggi.

Questo verrebbe riequilibrato nel caso in cui molti di essi si spegnessero a favore di un retargeting della difficoltà, che aumenterebbe la probabilità di scoprire un blocco.

Il dimezzamento costringerà molti a passare a nuovo hardware specializzato ad alte prestazioni poiché i modelli di vecchia generazione come Antminer S9 stanno diventando antieconomici per funzionare. 

Mentre alcuni processori verranno dismessi e il tasso di hash diminuirà temporaneamente, i nuovi entranti prenderanno rapidamente il loro posto. 

Molti gruppi più piccoli potrebbero cessare l’attività e finire per vendere le loro attrezzature agli operatori più grandi che sono più preparati ad ottimizzare i costi grazie alle economie di scala.

  

Avatar
Lorenzo Dalvit

Educatore appassionato di Blockchain, esperto di vendite e marketing, social community manager, direttore artistico, musicista, amante dei paradigmi dirompenti e della vita. Le mie competenze riguardano l'interazione e la connessione umana

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.