banner
Chainalysis: “l’1% delle transazioni su blockchain sono legate ad attività illegali”
Chainalysis: “l’1% delle transazioni su blockchain sono legate ad attività illegali”
Interviste

Chainalysis: “l’1% delle transazioni su blockchain sono legate ad attività illegali”

By Amelia Tomasicchio - 17 Mag 2020

Chevron down

The Cryptonomist ha intervistato Philip Gradwell, capo economista a Chainalysis,  società di analisi che esamina i dati sulla blockchain per cercare di capire come sono usate le transazioni e contribuire alla conformità e all’applicazione della legge contro le attività illecite.

L’intervista è stata realizzata in video, quindi si può guardare qui di seguito anche con i sottotitoli in italiano.

Tra le domande che abbiamo posto a Philip anche l’evoluzione del settore delle privacy coin come Monero, le stablecoin e le regole che forse il G20 metterà in atto in proposito, e il futuro delle criptovalute in generale da qui a 5 o 10 anni, e quindi se e quando le crypto potranno raggiungere l’adozione di massa in termini o di store of value o come metodo di pagamento nella vita di tutti i giorni.

Con Chainalysis è stato anche impossibile non parlare della situazione attuale, della crisi e del Coronavirus. 

Di recente l’azienda aveva fatto parlare di sé per la partnership stretta con l’exchange Bitfinex, ma anche per un’analisi condotta sul crollo del prezzo di bitcoin nel mese di marzo durante il cosiddetto “crypto crash”.

Guarda qui l’intervista video sul canale YouTube di The Cryptonomist (i sottotitoli in italiano saranno disponibili a breve):

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.