banner
La blockchain di IOST usata per votare in Giappone
La blockchain di IOST usata per votare in Giappone
Blockchain

La blockchain di IOST usata per votare in Giappone

By Alfredo de Candia - 23 Giu 2020

Chevron down

Nuovo successo per la blockchain di IOST che porta a casa un grande traguardo per cambiare il modo di votare, un sistema ormai ingessato e vetusto. Ed è proprio per questo che forse il Giappone ha deciso di usare la blockchain, in particolare quella di IOST, per votare.

È stato comunicato infatti che il partito politico giapponese SANSEITO ha implementato il “guild voting”, un’applicazione di voto digitale creata da un team di sviluppatori, il PHI Inc, specializzati in DAO (Decentralized Autonomous Organization) e che possiedono un nodo proprio su questa blockchain.

IOST, con i suoi smart contract, permetterà di contare i voti, salvare i risultati, avere dei dati affidabili.

Stiamo parlando di una votazione a livello di partito, e quindi interna allo stesso, per rendere democratico tutto il processo e testarne l’efficacia, visto che l’obiettivo è quello di mettere in comunicazione il partito con la comunità.

Parliamo di circa 5000 membri e quindi una base di utilizzo piuttosto ampia.

L’interfaccia scelta è abbastanza semplice: presenta l’argomento dell’agenda ed una casella per scegliere si o no, oppure un’altra scelta in caso di più opzioni.

Questo rappresenta uno dei pochi casi,in Giappone, in cui possiamo vedere l’effettivo utilizzo di un sistema di voto che sfrutti la blockchain.

Di recente, comunque, sempre in Giappone IOST è stata usata per creare una piattaforma nel campo medico, mentre in Cina IOST è stata la prima ad essere chiamata dal governo per integrare e sviluppare un programma per lo sviluppo blockchain nel paese.

Infine non dimentichiamo che questa blockchain utilizza la PoB (Proof of Believability), ovvero un tipo di PoS (Proof of Stake), e questo le consente di essere estremamente veloce ed integrare diverse funzioni come gli smart contract e la possibilità di creare token anche NFT (Non Fungible Token).

Nel frattempo, il prezzo dell’asset continua ad avanzare senza sosta e solo nell’ultimo mese il suo valore è aumentato del 133%.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.