banner
Il World Economic Forum studia le criptovalute
Il World Economic Forum studia le criptovalute
Criptovalute

Il World Economic Forum studia le criptovalute

By Eleonora Spagnolo - 19 Ott 2020

Chevron down

Il World Economic Forum studierà le criptovalute tramite il Global Future Council on Cryptocurrencies. Lo scopo dell’organo sarà analizzare i molteplici aspetti del panorama crypto e blockchain e le sfide che questi comportano. 

Dalla privacy al cambio di paradigma nei pagamenti, passando per l’inclusione finanziaria, il World Economic Forum sembra prendere atto della portata innovativa che le criptovalute rappresentano. 

Il  Global Future Council on Cryptocurrencies valuterà sfide e opportunità delle criptovalute e ciò che sarà necessario per raggiungere entrambi. Lo farà da un punto di vista di conoscenze tecniche andando anche alla ricerca di un modo per regolamentare il settore. 

I membri del Global Future Council on Cryptocurrencies

A capo del consiglio ci sarà Maltem Demirors, Chief Strategy Officer di Coinshare e Cuy Sheffield, Head of Crypto di Visa

Clarisse Awamengwi, esperta di blockchain e criptovalute del World Economic Forum sarà project manager.

Tra i membri figurano diverse personalità illustri del mondo finanziario e del mondo crypto. Spiccano i nomi di Joseph Lubin (ConsenSys) e Brad Garlinghouse (Ripple). 

Ma non solo. Il World Economic Forum sembra aver voluto unire anche esponenti del mondo bancario con un occhio alle crypto. Non è un caso che siano presenti anche esponenti di istituzioni finanziarie come Goldman Sachs e colossi dei pagamenti come PayPal.

Questi i membri del Global Future Council on Cryptocurrencies:

  • Gabriel Abed, Co-Founder and Vice-Chairman, Bitt;
  • Robleh Ali, General Manager, Wadagso;
  • Marwan Al Zarouni, Chief Executive Officer, Dubai Blockchain Center;
  • Marvin Ammori, General Council, Protocol Labs;
  • Galia Benartzi, Co-Founder, Business Development, Bancor Network;
  • Kathleen Breitman, Co-Founder, Tezos;
  • Jill Carlson, Co-Founder, Open Money Initiative;
  • Vansa Chatikavanij, Chief Executive Officer, OMG Network;
  • Jose Fernandez da Ponte, VP, Global Business Development, PayPal;
  • Matthew Davie, Chief Strategy Officer, Kiva;
  • Rhodri Davies, Head, Policy; Programme Director, Giving Thought, Charities Aid Foundation;
  • Meltem Demirors, Chief Strategy Officer, CoinShares;
  • Denelle Dixon, Chief Executive Officer, Stellar Development Foundation;
  • Evgeniia Filippova-Karlusch, Researcher and Lecturer;
  • Brad Garlinghouse, Chief Executive Officer, Ripple;
  • Byron Gibson, Program Manager, Stanford Center for Blockchain Research;
  • Mariana Gomez de la Villa, Director, Distributed Ledger Technology Programme, ING Group;
  • Oli Harris, Vice-President, Digital Assets, Goldman Sachs;
  • Yusuf Hussain, Head, Risk, Gemini Trust Company, LLC.;
  • Rosine Kadamani, Chief Executive Officer, Blockchain Academy;
  • Lily Liu, President, Aiden Health;
  • Christina Lomazzo, Blockchain Lead, United Nations Children’s Fund (UNICEF);
  • Joseph Lubin, Founder and Chief Executive Officer, ConsenSys;
  • Paul Maley, Managing Director; Head, Corporate Bank, United Kingdom and Ireland, Deutsche Bank;
  • Christine Moy, Lead, Blockchain, JPMorgan Chase & Co.;
  • Kwame Rugunda, Chief Executive, CryptoSavannah;
  • Sebastian Serran, Chief Executive Officer, Ripio;
  • Cuy Sheffield, Head of Crypto, Visa;
  • Alpen Sheth, Senior Technologist, Financial Innovation, Mercy Corps;
  • Arianna Simpson, Deal Partner, Andreessen Horowitz;

Il World Economic Forum, le criptovalute e la blockchain

Il WEF sembra decisamente attento allo sviluppo del mondo blockchain. Da tempo infatti l’organo internazionale sta lavorando su progetti blockchain, fornendo anche linee guida per l’utilizzo e l’implementazione.

Da ultimo, nei mesi scorsi, durante il consueto World Economic Forum di Davos, è stata lanciata l’idea di un framework per le CBDC (Central Bank Digital Currencies). 

Proprio le valute digitali emesse dalle banche centrali sembrano essere il punto di incontro tra criptovalute e finanza tradizionale. Diverse nazioni, Cina in testa, stanno lavorando ad esse e presto potrebbero diventare realtà.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.