banner
Gemini ora supporta euro e sterline
Gemini ora supporta euro e sterline
Criptovalute

Gemini ora supporta euro e sterline

By Marco Cavicchioli - 29 Ott 2020

Chevron down

Il noto exchange americano Gemini ha annunciato di aver aggiunto il supporto ad euro e sterline britanniche. 

Pertanto ora saranno tre le valute fiat disponibili per il trading.

L’annuncio rivela anche l’aggiunta delle coppie di scambio: 

  • BTC/EUR, 
  • ETH/EUR, 
  • BTC/GBP,
  • ETH/GBP

Si parla anche del lancio di ActiveTrader. 

Grazie alle nuove valute fiat aggiunte sarà possibile acquistare con euro e sterline sull’app mobile e sul web utilizzando carte di debito o depositi tramite bonifici SWIFT o SEPA.

Gemini con euro e sterline alla conquista del mondo

Gemini dichiara: 

“Espandersi a livello internazionale e supportare l’EUR è un altro entusiasmante passo avanti nella nostra missione di responsabilizzare le persone in tutto il mondo attraverso le criptovalute”. 

Questo passo dichiara palesemente l’intenzione dell’exchange di sbarcare prepotentemente anche su mercati differenti rispetto a quello USA, e ciò per certi versi può risultare curioso visto che uno dei punti forti di Gemini è proprio la conformità alla regolamentazione dello Stato di New York, ovvero uno degli Stati USA con la regolamentazione più severa in ambito finanziario. 

Questa caratteristica rende Gemini uno strumento privilegiato soprattutto per coloro che risiedono all’interno dello Stato di New York, o in altri Stati USA con regolamentazioni particolarmente stringenti, ma risulta essere ininfluente per gli utenti internazionali. 

Se da un lato è vero che la regolamentazione in Europa risulta essere comunque particolarmente stringente, gli utenti europei in realtà non hanno problemi ad utilizzare altri exchange che, ad esempio, non risultano autorizzati ad operare nello Stato di New York. 

Forse tuttavia è possibile immaginare che i gemelli Winklevoss, proprietari di Gemini, puntino su un futuro inasprimento della regolamentazione nella UE o in Gran Bretagna, e vogliano pertanto farsi trovare pronti quando potrebbe accadere. 

Un’altra ipotesi è che, semplicemente, vogliano espandere la loro base utenti anche al di fuori degli USA, visto che hanno una politica comunicativa ad ampio raggio e con un taglio molto istituzionale che potrebbe risultare efficace anche al di fuori degli Stati Uniti.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.