banner
ChainLink: un’analisi del prezzo di LINK
ChainLink: un’analisi del prezzo di LINK
Trading

ChainLink: un’analisi del prezzo di LINK

By R.L. Bryer - 31 Ott 2020

Chevron down

Al momento della scrittura di questo articolo, il prezzo di Chainlink (LINK) è di 11,50 dollari ed è sceso del 2,2% nelle ultime 24 ore. Con Bitcoin che oggi registra un calo di oltre 700 dollari, ChainLink e la maggior parte delle altcoin scendono. 

Molti occhi sono fissati sul mercato azionario statunitense e sul fatto che bitcoin e altre solide criptovalute possano o meno disaccoppiarsi dal mercato tradizionale. 

Oggi è stata una giornata che ha mostrato una correlazione più forte di quella che i sostenitori delle crypto preferirebbero, ma ultimamente le criptovalute hanno dimostrato il potenziale di essere una copertura asimmetrica. 

Il prezzo di ChainLink è comunque aumentato del 325% negli ultimi 12 mesi ed è stato uno dei principali indicatori del mercato crypto rialzista nel 2019. 365 giorni fa ChainLink era a soli 2,67 dollari e al di fuori della Top 30 dei progetti per capitalizzazione di mercato. 

Nell’arco di un solo anno, LINK è riuscito a entrare nella Top 30, poi nella Top 20 e ora ha trovato casa nella Top 10 dei progetti. 

Le statistiche sopra riportate sono relative a una valuta inflazionistica, il dollaro USA. Tuttavia, quando si confronta LINK con BTC durante l’esistenza del progetto ChainLink, si comincia a capire quanto LINK abbia dimostrato di essere forte.

Fonte: Barchart

Se il prezzo di LINK chiude sopra ai $9,88 sul mensile, sarà la seconda chiusura più alta nella storia di LINK. Il grafico sottostante mostra il prezzo storico di LINK sulla scala temporale mensile. 

Fonte: Yahoo Finance

LINK è stato ipercomprato quando ha raggiunto il massimo storico di 19,83 dollari, raggiunto il 16 agosto 2020, ma da allora si è calmato e potrebbe essere pronto per un’azione di prezzo più positiva.

Anche i più accaniti sostenitori del progetto ChainLink, noti come i ‘LINK Marines’, puntano su molte notizie recenti come motivo di entusiasmo. Il CEO di ChainLink, Sergey Nazarov, ha recentemente twittato sul valore creato dalla connettività aggiuntiva delle reti. 

Con il recente fallimento di Harvest Finance, è probabile che lo smart money parteciperà solo a progetti DeFi che hanno la verificabilità decentralizzata grazie a ChainLink.

Un perfetto esempio di come ChainLink garantisce la sicurezza del valore è con la Proof of Reserve. La Proof of Reserve permette di effettuare verifiche on-chain e cross-chain delle criptovalute.

Un esempio primario è BitGo, che utilizza gli oracoli ChainLink per proteggere i wrapper bitcoin (WBTC), il cui valore è attualmente superiore a 1,5 miliardi di dollari. Inoltre, con l’annuncio formale di PayPal di entrare nello spazio delle criptovalute, c’è sicuramente molto altro in arrivo.

Per di più, ci sono già voci che PayPal vorrebbe acquistare BitGo. La recente aggiunta di Ben Chan a ChainLink Labs ha dato vita all’idea di una collaborazione tra ChainLink, PayPal e BitGo, dato che Chan era l’ex CTO di BitGo.

Paragonando gli ultimi 12 mesi, LINK segna un +334%, BTC un +43,4%, l’ORO un +26,3%.

Naturalmente nel breve periodo il prezzo è estremamente difficile da prevedere e Bitcoin controlla ancora molto bene il macro mercato. Tuttavia, nel tempo è possibile vedere dati che suggeriscono, almeno con le performance passate, che il prezzo di Chainlink è potenzialmente un indicatore precoce del sentiment del macro mercato.

*L’autore detiene una serie di diverse criptovalute in momenti diversi e detiene ChainLink al momento della stesura di questo articolo.* 

 

R.L. Bryer
R.L. Bryer

R.L. è nel settore crypto dal 2009. E' autore di "Blockchain: Project Renaissance",

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.