banner
Bitcoin Rejoin, due versioni e tanti rischi
Bitcoin Rejoin, due versioni e tanti rischi
Sicurezza

Bitcoin Rejoin, due versioni e tanti rischi

By Eleonora Spagnolo - 15 Nov 2020

Chevron down

Bitcoin Rejoin è l’ennesima piattaforma di trading automatico di Bitcoin. A differenza di quelle più note, anche per il dubbio funzionamento, questa, nella sua versione con estensione .com, presenta alcuni elementi distintivi. 

Bitcoin Rejoin infatti ha il sito in 4 versioni:

  • Inglese,
  • Italiano, 
  • Tedesco,
  • Spagnolo.

Nella home page, la prima cosa che vediamo è uno slogan che promuove l’applicazione sostenendo due aspetti: è gratis ed è sicura. 

Bitcoin Rejoin

Come le altre piattaforme di trading automatico di Bitcoin, propone un investimento iniziale di 250 euro (o 250 dollari nella versione inglese). Viene tuttavia specificato che è una piattaforma che negozia CFD (Contratti per differenze). E già qui c’è una prima precisazione: non si negoziano Bitcoin ma uno strumento derivato.  

Inoltre promette di ritirare i soldi in modo altrettanto rapido. 

Bitcoin Rejoin si basa su tre aspetti: 

  • Affidabilità, perché, sostiene il sito, il trading di CFD è altamente rischioso, Bitcoin Rejoin punta a semplificare questo tipo di attività per garantire risultati positivi. 
  • Sicurezza, in quanto usa crittografia SSL per proteggere le informazioni personali, sebbene sostiene di raccogliere i dati solo strettamente indispensabili.
  • Tecnologia, in quanto Bitcoin Rejoin si presenta come un complesso software che non garantisce risultati infallibili, ma si definisce allo stesso tempo “eccezionale” senza comunque indicare su cosa si basa la sua eccezionalità. 

Per iniziare a guadagnare bisogna innanzitutto registrarsi, depositare 250 euro, e poi si può lasciar lavorare il software, oppure si possono impostare dei parametri manualmente. 

La sezione delle FAQ si concentra su tre semplici domande: 

  • Il costo, specificando che la piattaforma è gratuita a parte il contributo iniziale di almeno 250 euro o 250 dollari. 
  • I dispositivi, sottolineando come basta avere un browser, non importa il device;
  • Come iniziare, dove viene ribadito che bisogna aprire un account e finanziarlo con almeno 250 euro/dollari.

Rispetto alle solite piattaforme, su Bitcoin Rejoin viene spiegato a più riprese che il trading è un attività a rischio. Inoltre, non si promettono i consueti guadagni da capogiro, ma solo un non meglio chiaro sistema per facilitare l’attività.

La sezione About us non aggiunge nulla su chi siano coloro dietro questa piattaforma e il modulo contact us è solo un form da compilare senza specifici indirizzi mail o numeri di telefono a cui rivolgersi.

Bitcoin Rejoin è una truffa? 

Le recensioni che si trovano online non solo lusinghiere. Ma si riferiscono nella maggior parte dei casi alla versione di Bitcoin Rejoin con l’estensione .io.

Questa versione di Bitcoin Rejoin, pur presentando un logo molto simile al sito in versione .com, è del tutto uguale ad altre piattaforme di trading automatico di Bitcoin già viste in precedenza, quali Bitcoin Loophole, Bitcoin System, Bitcoin Evolution, Bitcoin Champion, Bitcoin Bank, Bitcoin Compass.

Anche in questo caso abbiamo l’ennesimo video che loda Bitcoin con personaggi famosi quali Bill Gates o i fratelli Winklevoss per citarne qualcuno.

Ci sono poi le testimonianze di chi si è arricchito, guadagnando fino a 163.000 dollari.

In questo caso, viene esplicitato che c’è un robot a fare il “lavoro sporco”, sempre previa registrazione e deposito di almeno 250 dollari. Viene sottolineato a più riprese che non serve essere esperti di trading per utilizzare il software. 

Software che garantisce nella maggior parte dei casi guadagni di 2.000 dollari al primo giorno. 

Come sempre, prima di giudicare Bitcoin Rejoin come una truffa o come non affidabile, è bene ricordare un paio di principi: 

  • se qualcuno fa promesse troppo belle per essere vere, probabilmente non sono vere. 
  • Il trading è un’attività a rischio;
  • Il trading richiede studio ed esperienza, non ci si improvvisa trader senza conoscere il mercato e senza studiare il funzionamento delle piattaforme di investimento.
Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.