banner
Bitcoin sta vincendo la rivoluzione monetaria da Covid-19
Bitcoin sta vincendo la rivoluzione monetaria da Covid-19
Bitcoin

Bitcoin sta vincendo la rivoluzione monetaria da Covid-19

By Marco Cavicchioli - 2 Dic 2020

Chevron down

Il noto storico scozzese Niall Ferguson ha scritto un lungo articolo dedicato a Bitcoin ed al Covid-19 pubblicato da Bloomberg nella rubrica delle opinioni degli esperti.

Ferguson ha insegnato a Cambridge ed Oxford, oltre che alla New York University e ad Harvard, ma è noto al grande pubblico principalmente per la sua opera di divulgazione, ed in particolare per i libri “Empire: How Britain Made the Modern World” e “Civilization: The West and the Rest”. 

Inoltre nel 2008 pubblicò il libro “The Ascent of Money” nel quale analizzò la storia e l’evoluzione del denaro, dal quale fu tratta anche una serie di documentari andata in onda su diverse emittenti televisive in tutto il mondo, prodotta dall’emittente britannica Channel 4, e vincitrice di un International Emmy Award come miglior documentario. 

Insomma, Ferguson è uno storico che conosce bene la natura del denaro, e soprattutto la sua evoluzione nel corso dei millenni. Qualche anno fa dichiarò apertamente che riteneva le criptovalute il sistema finanziario del futuro. 

Pertanto l’articolo per Bloomberg Opinion rientra perfettamente nell’idea che lo storico si è fatto delle criptovalute, ed in particolare di Bitcoin, e non stupisce più di tanto, anche perché afferma cose che nel settore crypto sono ben note da diversi mesi.

Neil Ferguson, Bitcoin e la rivoluzione post Covid-19

L’articolo inizia con un excursus sulla sua Glasgow del secolo scorso, e sulla dematerializzazione del denaro. Ad un certo punto Ferguson afferma senza mezzi termini che il mondo in questo periodo sta vivendo una vera e propria rivoluzione monetaria, così sfaccettata però che in pochi ne stanno comprendendo appieno la portata. 

Questa rivoluzione monetaria è guidata dalla trasformazione tecnologica dovuta ad Internet, ed è stata accelerata dalla pandemia del 2020. 

A questo punto confronta le performance di dollaro USA, oro e bitcoin. Dal primo gennaio l’indice spot del dollaro di Bloomberg è sceso del 4% nel corso dell’anno, mentre il prezzo dell’oro in dollari è aumentato del 15% in termini di dollari. Il prezzo in dollari di bitcoin invece è aumentato del 139%.

Ferguson sostiene che il rally di bitcoin di quest’anno abbia colto di sorpresa molte persone intelligenti, in primis l’economista della New York University Nouriel Roubini che nel corso dell’anno è stato costretto a cambiare tono per quanto riguarda le sue pesanti critiche alla più importante delle criptovalute. 

Anzi, secondo lo storico scozzese anche i giornalisti finanziari stanno capitolando, ammettendo che bitcoin abbia validi caso d’uso,ad esempio come copertura contro un futuro dominato dall’autoritarismo. 

Per quanto riguarda invece Covid-19, Ferguson fa notare che anche in passato altre pandemie abbiano favorito una maggiore monetizzazione dell’economia. Nello specifico il Covid-19 ha accelerato il progresso verso il passaggio al denaro digitale, ed ha aumentato notevolmente l’esposizione alla sorveglianza finanziaria ed alle frodi finanziarie. 

Secondo Ferguson il vero obiettivo principale di Satoshi Nakamoto potrebbe essere stato quello di creare il bene rifugio definitivo, in grado di proteggere la ricchezza non solo dal flagello del deprezzamento, ma anche dalla confisca. 

Alla luce di ciò fa notare che bitcoin viene gradualmente adottato sempre di più non tanto come mezzo di pagamento, ma proprio come riserva di valore, citando MicroStrategy come esempio. Si tratta di un processo di adozione che ha ancora molta strada da fare, anche a causa di alcune problematiche che richiederanno ancora del tempo per essere risolte. 

Tuttavia bitcoin offre un evidente vantaggio, ovvero la scarsità, ancora più evidente in un momento in cui l’offerta di moneta fiat sta esplodendo. 

Ad esempio la massa monetaria M2 del dollaro quest’anno è cresciuta ad un tasso su base annua superiore al 20%, rispetto alla media del 5,9% dal 1982 al 2019, e la futura debolezza del dollaro, causata invia indiretta della pandemia, favorisce bitcoin. 

Ferguson conclude chiedendo alla nuova amministrazione USA di Joe Biden di riconoscere i vantaggi dell’integrazione di Bitcoin nel sistema finanziario statunitense, invece di cercare di creare un dollaro digitale in stile cinese. 

Anche perché lo stesso dollaro originariamente fu progettato per essere meno centralizzato e più rispettoso della privacy individuale, rispetto ai sistemi adottati da società meno libere.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.