banner
Lo scam Bitcoin che coinvolge Jordi Cruz Mas
Lo scam Bitcoin che coinvolge Jordi Cruz Mas
Sicurezza

Lo scam Bitcoin che coinvolge Jordi Cruz Mas

By Alfredo de Candia - 10 Dic 2020

Chevron down

È ormai una ricetta studiata a pennello quella che vede coinvolti i nomi di rinomati chef, come lo spagnolo Jordi Cruz Mas, affianco a prodotti e servizi legati a brutte false copie di Bitcoin.

Si tratta di tentativi fraudolenti per sfruttare l’immagine e la popolarità degli stessi in modo che la gente investa in prodotti truffaldini falsamente legati a Bitcoin.

Solo pochi giorni fa dilagavano post con il rinomato chef Gordon Ramsay in cui si affermava che avesse investito in Bitcoin Revolution, cosa che non è assolutamente vera e porta dritti ad una pagina del tutto fuorviante.

Ma oggi parliamo di un altro chef, ovvero il giudice di MasterChef, Jordi Cruz Mas, che tra l’altro ha anche 3 stelle Michelin.

Jordi Cruz Mas non ha utilizzato Bitcoin Trader

Anche in questo caso online ancora una volta troviamo numerosi articoli, proposti da fantomatiche testate giornalistiche, in cui si afferma che il cuoco abbia utilizzato Bitcoin Trader per investire in Bitcoin.

Ovviamente ci troviamo di fronte a delle informazioni completamente inventate, anche se c’è da dire che non possiamo sapere se effettivamente il cuoco abbia o meno investito in Bitcoin in generale, ma di certo non in questa piattaforma scam.

Ricordiamo che Bitcoin Trader è un programma che promette di moltiplicare i propri Bitcoin con una spesa minima di 250 dollari, e quindi a fronte di un investimento minimo l’utente otterrebbe dei guadagni stratosferici.

Si tratta solo di claim falsi che nascondono delle vere e proprie truffe e come tali vanno trattate. Tuttavia spesso le vittime non sono esperte di questi strumenti e gli basta leggere il nome di qualche personaggio famoso per far avvicinarsi.

Anche molti personaggi italiani come Flavio Briatore ed Emma Marrone sono stati usati da questi criminali come finti testimonial.

Nel caso di Bitcoin Trader, è intervenuta addirittura la Consob, che ha provveduto immediatamente ad oscurare il sito web e quindi per gli utenti italiani non si corre un rischio elevato, anche se spesso i criminali cambiano i domini e quindi siamo sempre al punto di partenza.

Infatti, su Internet è pieno di truffe simili, come Bitcoin Era, Bitcoin Loophole e nomi simili.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.