L’Ucraina punta sulle criptovalute
L’Ucraina punta sulle criptovalute
Criptovalute

L’Ucraina punta sulle criptovalute

By Vincenzo Cacioppoli - 23 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha firmato mercoledì scorso una legge che legalizza nel paese l’uso e la detenzione di Bitcoin e criptovalute, primo caso in Europa e tra i primi nel mondo. Questa decisione è stata presa dopo aver ricevuto oltre 100 milioni di dollari  di donazioni in valuta digitale nelle ultime settimane durante la guerra con la Russia.

La legge crypto dell’Ucraina

La legge stabilisce le condizioni per lanciare un mercato per gli asset virtuali che sarà regolato dalla National Securities and Stock Market Commission dell’Ucraina, ha dichiarato mercoledì il Ministero della Trasformazione digitale del paese.

Mykhail Fedorov, il giovane ministro dell’innovazione è diventato ormai quasi una icona per tutta la comunità tecnologica e delle criptovalute internazionale. 

Fin dall’inizio del conflitto grande è stato il suo impegno per spingere i colossi del tech e del settore delle valute digitali a boicottare la Russia di Putin. In diverse occasioni ha chiesto esplicitamente ai grandi exchange di criptovalute di bloccare gli account russi per evitare che potessero, grazie alle criptovalute, aggirare in qualche modo le sanzioni. Coinbase dopo il suo appello ha bloccato 25000 account di utenti russi.

Mykhailo Fedorov
Mykhailo Fedorov

Il successo delle donazioni in criptovalute in Ucraina

Sempre il giovane vicepresidente e ministro dell’innovazione è stato l’artefice principale della legge sulle criptovalute, dopo aver organizzato col supporto del principale exchange del paese, Kuno, la campagna di raccolta fondi in criptovalute, che ha avuto un successo di portata assolutamente inaspettato.

“L’Ucraina ha legalizzato il settore delle criptovalute, Zelensky ha firmato una legge. D’ora in poi, gli scambi di criptovalute estere e ucraine funzioneranno legalmente e le banche apriranno conti per le società di criptovalute”

ha dichiarato mercoledì entusiasta in un tweet il ministero della Trasformazione digitale ucraino.

Parte degli aiuti ricevuti in criptovalute ora potranno essere liberamente e direttamente scambiati per acquisti di beni di prima necessità e anche come affermato dal ministero per l’acquisto di armi per difendersi dall’invasione russa.

Ha detto Fedorov:

“Il nostro governo ha lavorato sodo per liberalizzare l’economia e rimuovere tutti gli ostacoli, i blocchi stradali e le strozzature nella nostra economia. Stiamo semplificando le norme fiscali. Stiamo aprendo le nostre dogane e, accidenti, stiamo anche cercando di sviluppare il nostro paese economicamente nonostante la guerra” 

Nello scorso ottobre lo stesso premier ucraino aveva rimandato al Parlamento la legge sulle criptovalute, affinché fossero apportate delle modifiche e revisioni al testo presentato. La legge era molto più restrittiva di quella approvata mercoledì perché non prevedeva di legalizzare la circolazione delle criptovalute nel paese. Ma la guerra e il grande successo delle donazioni ricevute in asset digitali ha cambiato radicalmente le cose

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.