eToro non verrà più quotata in Borsa, per ora
eToro non verrà più quotata in Borsa, per ora
Criptovalute

eToro non verrà più quotata in Borsa, per ora

By Eliano Martellucci - 6 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Proprio ieri, la FinTech Acquisition Corp. V ha annunciato che non rileverà più l’exchange e colosso del social trading, eToro, frenando così la sua entrata in Borsa. 

Terminata la trattativa con FinTech V per portare la piattaforma eToro in Borsa

crypto bear etoro
La forte fase bearish del mercato crypto ha interrotto l’ingresso in Borsa di eToro

La trattativa per la SPAC era iniziata un anno fa e aveva visto la valutazione della piattaforma a 10 miliardi di dollari. 

Una SPAC, che sta per Special Purpose Acquisition Company, è un modo alternativo alla IPO per una società di quotarsi in borsa. Ci si avvale di un veicolo di investimento al fine di minimizzare i costi, rispetto ad una procedura di IPO, e di accedere ai capitali del mercato azionario. 

La FinTech Acquisition Corp. V, infatti, è una SPAC e proprio come suggerisce il nome, ha l’unico scopo di acquisire società nel mondo fintech che vogliono affrontare l’ingresso in Borsa.

FinTech V è quotata al Nasdaq con il ticker FTCV e proprio l’anno scorso aveva trovato un accordo con eToro valutandola $10 miliardi. 

In questo modo, la piattaforma di trading si sarebbe combinata con la SPAC con un ticker indipendente e il suo titolo sarebbe stato scambiato pubblicamente e quotato anch’esso al Nasdaq. 

Al fine di spiegare meglio la decisione presa, il Presidente della FinTech V, Betsy Cohen, ha detto:

“eToro continua ad essere la piattaforma leader di investimento sociale in tutto il mondo, con una comprovata esperienza di crescita e un forte slancio. Sebbene siamo delusi dal fatto che la transazione sia stata resa impraticabile a causa di circostanze al di fuori del controllo di entrambe le parti, auguriamo al [CEO] Yoni e al suo talentuoso team un successo continuo”.

L’obiettivo di eToro era quello di avere una nuova fonte di accesso ai capitali, emettendo nuove azioni sul mercato. In questo modo, eToro poteva alimentare la crescita e l’espansione del proprio business, aumentando la propria market share globale e affermando il proprio brand come fornitore di servizi finanziari innovativi. 

La condizione finanziaria attuale di eToro

Il fallimento della trattativa può essere assoggettato in gran parte al crollo del mercato crypto, che ha messo tante realtà in ginocchio, come Celsius, 3AC e BlockFi

Infatti, eToro è fortemente esposta al mercato delle criptovalute, che ha fatto crescere il suo business e la sua base utenti a dismisura. Basti pensare che circa il 70% delle commissioni di trading totali derivano proprio dalle crypto. 

Attualmente si sta cercando un’iniezione di capitale privata per fronteggiare le attuali difficoltà finanziarie. Questo finanziamento dovrebbe aggirarsi tra gli $800 milioni e il miliardo di dollari. Il valore attuale della piattaforma del social trading ammonta a $5 miliardi, il 50% in meno da quello valutato un anno fa da FinTech V. 

A tal proposito, per correre ai ripari hanno già pensato di licenziare 100 dipendenti, pari al 6% delle risorse umane totali. 

Comunque sia, ciò non toglie che in condizioni di mercato più favorevoli, eToro non possa ripensare di tornare all’attacco e quotare il proprio titolo in Borsa. 

Yoni Assia, CEO e co-fondatore dell’exchange crypto israeliano, ci tiene a rassicurare la community nonostante il periodo di difficoltà:

“Il nostro bilancio è solido e continuerà a sostenere la crescita futura con redditività. Abbiamo concluso il Q2 2022 con circa 2.7 milioni account finanziati, una crescita di oltre il 12% rispetto alla fine del 2021, dimostrando un’acquisizione di clienti continua e un tasso di ritenzione che sta migliorando periodo dopo periodo.”

Eliano Martellucci

Eliano è laureato in Economia e gestione aziendale e sta per concludere gli studi specialistici in Finanza presso l'Università di Trento (UNITN). Si appassiona al mondo crypto e blockchain durante l'estate del 2017 e da lì non lo ha più abbandonato. Ora lavora come editor & SEO specialist in Cryptonomist, scrive articoli ed investe, sia in asset Blue Chip, che in fase iniziale. Inoltre, sta sviluppando il suo ultimo progetto di tesi dal titolo: "Uno studio sulla Sentiment Analysis del mercato crypto attraverso algoritmi di Machine Learning in python".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.