Il bug sui tassi di cambio: la nuova truffa Bitcoin
Il bug sui tassi di cambio: la nuova truffa Bitcoin
Bitcoin

Il bug sui tassi di cambio: la nuova truffa Bitcoin

By Eliano Martellucci - 8 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La creazione del Bitcoin ha portato molti benefici al sistema finanziario e con sé, purtroppo, ogni tipologia di truffa volta ad ingannare il prossimo. 

Bitcoin: la nuova truffa sui tassi di cambio 

truffa crypto btc
La nuova truffa Bitcoin diffusa su YouTube

Il mondo delle criptovalute, oltre alla bellezza, alla ricchezza e all’innovazione tecnologica che ha saputo donare, è sempre stato colmo di inganni dietro l’angolo. Con l’evoluzione del mercato, segue anche l’evoluzione del tipo di truffa, in cui si cerca di raggirare l’utente meno esperto. 

Kaspersky, la nota società russa di cybersecurity, ha fatto suonare l’ennesimo campanello d’allarme nel mondo crypto. 

Non si parla di hack, attacchi phishing o di famosi rug pull, ma di una semplice truffa architettata soprattutto per chi è nuovo del settore e per chi è in cerca di guadagni facili nel fantastico mondo di Internet. 

YouTube e falsi canali, ecco come i truffaori si ingegnano

Nasce tutto da un falso canale YouTube, creato appositamente con un unico scopo: attrarre un numero maggiore possibile di investitori ingenui. 

Il canale presenta un solo video, in cui viene presentata quest’incredibile opportunità che permette di generare profitti fuori dalla norma. 

Il tutto viene accompagnato da commenti postati appositamente da account bot, che tentano di invogliare a sfruttare il bug con frasi del tipo:

Infine, in descrizione si potrà trovare il link al sito fraudolento. Questo rimanda ad una semplice interfaccia di un exchange crypto ideato dai truffatori, dove si potrà “godere” dei tassi di cambio promessi. 

Il “bug”, infatti, consiste proprio nello sfruttare una svista del colosso Binance, che permetterebbe di ricevere 10 volte tanto a fronte di un deposito in Bitcoin. 

Il gioco è facilmente intuibile da una semplice e chiara frase inserita nella descrizione del video, subito dopo il falso link:

“Ti permette di scambiare 1 BTC con 105 ETH anziché 15 ETH, proprio ora”.

Per chi è ancora più curioso ed interessato a scavare più a fondo, su YouTube se ne possono trovare ancora molti di contenuti del genere che promuovono questo tipo di truffa. Basta inserire le parole chiave “exchange rate bug at binance” nel campo di ricerca.

Il seguente video contiene l’accattivante frase riportata poco sopra e rende molto bene l’idea dell’inganno:

Come ciliegina sulla torta, una volta atterrati sulla falsa piattaforma, la transazione è accompagnata da un conto alla rovescia, per indicare la disponibilità limitata entro il quale è possibile sfruttare l’irripetibile occasione. 

Questo permette di aumentare la pressione e lo stress esercitato sull’investitore sfortunato, che si trova a finalizzare l’operazione in tempi ristretti. È una pratica molto diffusa anche nei servizi di booking, che serve a creare più confusione e ad aumentare le probabilità di finalizzazione.

Quali sono i campanelli d’allarme e come accorgersi in tempo dell’imminente truffa

Innanzitutto, il fatto che un canale YouTube appena creato presenti al mondo, da un momento all’altro, un’opportunità di investimento così esagerata, fa già pensare “è troppo bello per essere vero”.

Il secondo fattore si nasconde nelle interazioni. Nella maggior parte dei casi, iscritti, like e visualizzazioni presentano un numero veramente irrisorio. 

Terzo, ma non meno importante, è la pubblicazione di un solo video, che fa pensare che il teatrino sia stato montato con il solo scopo di truffare!

Per rendere il tutto un pochino più “credibile”, alcuni commenti, palesemente costruiti per alimentare l’inganno, accompagnano il video. Ovviamente sono tutti falsi e condivisi da account bot.

Infine, la fonte! Nel mondo crypto e blockchain, a causa delle numerose frodi effettuate nel corso della storia, è diventato di elevata importanza controllare sempre la sorgente con cui si vuole interagire. Non basta controllare che ci si riferisca a nomi ritenuti ormai sicuri ed affidabili dall’intera community. Piuttosto, è consigliato effettuare un double check dell’url, per capire se la piattaforma è quella autentica, e non un clone fraudolento. 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.