Ethereum, secondo Gary Gensler, andrebbe sottoposto ad analisi della SEC a seguito del Merge
Ethereum, secondo Gary Gensler, andrebbe sottoposto ad analisi della SEC a seguito del Merge
Ethereum

Ethereum, secondo Gary Gensler, andrebbe sottoposto ad analisi della SEC a seguito del Merge

By George Michael Belardinelli - 16 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

A latere di un’audizione di sorveglianza, il Presidente della SEC ha dichiarato che si sta riflettendo sul fatto di controllare Ethereum dopo il passaggio alla Proof of Stake. 

Ethereum: il Merge lo innova e la SEC vuole frenarlo

Già dal 2013, il co-fondatore Vitalik Buterin, presagì che ETH avrebbe cambiato pelle e alle 02:43 AM della scorsa notte è iniziato il tanto atteso Merge che ha trasformato per sempre Ethereum in una proof of Stake. 

Il processo è durato 15 minuti e non ha riscontrato problemi di alcun genere trasformando la seconda criptovaluta per capitalizzazione (190,5 miliardi di dollari) in una cosiddetta valuta green permettendo di risparmiare il 99,9% di energia. 

Justin Drake, ricercatore presso la fondazione Ethereum, ha dichiarato con schiettezza:

“Mi piace pensarlo come una specie di passaggio dalla benzina all’elettrico”

La valuta di Buterin e soci subito dopo il passaggio è passata di mano a 1600 dollari americani mentre nel momento in cui scriviamo quota 1450 dollari.

Il passaggio è avvenuto senza intoppi in una giornata in cui più o meno tutte le criptovalute hanno avuto una flessione, questo fenomeno ha colpito anche il Bitcoin che passa di mano nuovamente sotto quota 20k a 19840 euro a questo momento.

Gli esperti del settore sono divisi tra chi loda i vantaggi del Merge come il risparmio energetico e una moneta potenzialmente deflazionistica e chi invece punta il dito sul punto critico dell’operazione ovvero la minore decentralizzazione. 

Durante una regolare audizione di sorveglianza della Securities and Exchange Commission (SEC), al cospetto della Commissione bancaria del senato, il Presidente della Securities and Exchange Commission, Gary Gensler, ha dichiarato che Ethereum potrebbe essere sottoposto a un’analisi minuziosa e tempestiva da parte delle autorità di regolamentazione dopo il Merge. 

I commenti del presidente Gensler sono arrivati subito dopo il passaggio di ETH dalla Proof of Work basata sul mining alla Proof of Stake (partecipazione) causando alcune fisiologiche congetture al riguardo. 

Le dichiarazioni del Presidente SEC al Wall Street Journal

Le dichiarazioni del Presidente della Securities and Exchange Commission riportate dal The Wall Street Journal, sono le seguenti:

“Dal punto di vista della moneta… questo è un altro indizio che sotto il test di Howey, il pubblico degli investitori sta anticipando i profitti sulla base degli sforzi degli altri”.

Howey, è lo strumento che utilizzano tutti i regolatori per determinare se un bene è una security. 

Uno dei dubbi è se con “cedole” potenziali anche al 10% questa valuta sia paragonabile a un High bond yield. Infatti, l’intervento del presidente continua trattando il tema dello staking che a suo dire sembra essere “molto simile”, con alcune differenze, al sistema dei prestiti. 

Il dubbio a cui allude Gensler è se ci si debba interrogare sul fatto che se lo staking fosse equiparato a un prestito, questo andrebbe regolato di conseguenza.

Gli scambi che offrono servizi di staking agli utenti paiono “molto simili” ai prestiti, secondo Gensler: 

“Sembra molto simile, con alcune modifiche all’etichettatura, al prestito”. 

Se i dubbi del Presidente e delle autorità regolatorie persisteranno, nei prossimi giorni si potrebbe ritenere di procedere con una commissioni di inchiesta che avrà oggetto il sistema Proof of Stake nella sua interezza con ETH a fare da portabandiera ma riguarderebbe tutte le crypto analoghe. 

Le decisioni prese a seguito di tale analisi (che potrebbe richiedere anche un anno) porterebbero a determinare nuovi regolamenti che mettano paletti alla Proof of Stake modificando qualcosa di green e che funziona in qualcosa di migliore forse ma che, tuttavia, non è detto funzioni con egual successo. 

Intanto, l’effetto Merge si ripercuote su tutte le crypto che seppur affrontando una giornata leggermente negativa non hanno subito scossoni importanti di entità gravi come quello che si temeva, la transizione è andata bene e la maggior parte degli analisti è fiduciosa per il futuro dell’asset e della valuta di Vitalik. 

Secondo Stephanie Luzon, esperta di educazione finanziaria della fintech tedesca Vivid:

“Il Merge è l’aggiornamento più ambizioso della blockchain di ethereum degli ultimi anni, nonché un punto di transizione fondamentale nella storia delle criptovalute e di tutto l’ecosistema che gli ruota intorno, inclusa la finanza decentralizzata (DeFi)”. 

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.