Il CEO di Celsius si dimette
Il CEO di Celsius si dimette
Criptovalute

Il CEO di Celsius si dimette

By Vincenzo Cacioppoli - 28 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Alex Mashinsky, il CEO del prestatore di criptovalute Celsius Network, si è dimesso martedì, scusandosi con i clienti per le “difficili circostanze finanziarie” in cui il fallimento della società li aveva lasciati.

Il CEO della piattaforma Celsius dà le dimissioni

Il CEO del prestatore di valute Celsius che ha dichiarato fallimento a luglio scorso, a causa di un buco nel bilancio di oltre 1 miliardo di dollari, ha presentato le sue dimissioni, ammettendo con un simile gesto (per alcuni giudicato addirittura tardivo) in un certo senso una sua responsabilità nel fallimento della società.

La notizia arriva a due mesi dalla presentazione da parte della società della adesione al Chapter 11, anticamera del fallimento per le imprese americane.

Mashinsky, in un comunicato stampa, ha dichiarato:

“Continuerò a mantenere la mia concentrazione sul lavoro per aiutare la comunità a unirsi dietro un piano che fornirà il miglior risultato per tutti i creditori, che è quello che ho fatto da quando la Società ha dichiarato fallimento. Credo che tutti otterremo di più se i Celsiani rimarranno uniti e aiuteranno l’UCC con il miglior piano di ripresa”.

Secondo l’istanza di fallimento presentata a luglio dal tribunale la società Celsius avrebbe maturato un debito di $1,2 miliardi a bilancio, rendendolo una delle vittime di più alto profilo del crollo nei mercati delle criptovalute all’inizio di quest’anno. Ad Agosto il Financial Times aveva espressamente accusato proprio il CEO di avere pesanti responsabilità nel fallimento della società. Sarebbe lui secondo il giornale inglese ad avere personalmente assunto alcune decisioni sul trading, che avrebbero portato ingenti perdite ai conti societari.

Secondo alcune fonti interne citate dal giornale, la gestione della società da parte di Mashinsky sarebbe stata molto autocratica e avrebbe portato anche a lasciare l’azienda da parte del Frank Von Etten, che ha presentato le dimissioni a febbraio di quest’anno.

D’altra parte a luglio, la società KeyFi ha presentato una denuncia per truffa al tribunale di New York contro Celsius, accusato di essere una sorta di schema Ponzi.

Ecco allora che tutta questa serie di fattori hanno evidentemente convinto il CEO di operare una scelta dolorosa, ma che ormai pareva inevitabile:

“Mi dispiace che il mio continuo ruolo di CEO sia diventato una crescente distrazione e sono molto dispiaciuto per le difficili circostanze finanziarie che i membri della nostra comunità stanno affrontando. Dalla pausa, ho lavorato instancabilmente per aiutare la Società e i suoi consulenti a presentare un piano praticabile affinché la Società restituisse le monete ai creditori nel modo più equo ed efficiente”.

Il prezzo del token Celsius (CEL)

La notizia ha provocato un ulteriore calo del token del 7%. Celsius fondata nel 2017 dallo stesso Mashinsky e da Daniel Leon, era cresciuta a dismisura soprattutto nel 2021, grazie al boom del mercato e la crescita di nuovi settori come quello degli NFT e della DeFi.  

A maggio la società aveva 8 miliardi di dollari di prestiti ai clienti e ben 12 miliardi di dollari di asset in gestione. Poi c’è stata la debacle dell’ecosistema Terra, verso cui Celsius era molto esposto, ha provocato il crollo della società fino al fallimento di luglio.

Mashinsky fino alla fine ha cercato di resistere al suo posto cercando anche pochi giorni di rassicurare i clienti della società a cui garantiva la restituzione di quanto dovuto. Ma evidentemente la situazione potrebbe essere anche peggiore di quella che appare e la scelta delle dimissioni potrebbe essere stata l’unica alternativa rimasta al controverso fondatore della società.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.