Wrapped Bitcoin (WBTC) non corre nessun pericolo su Ethereum
Wrapped Bitcoin (WBTC) non corre nessun pericolo su Ethereum
Criptovalute

Wrapped Bitcoin (WBTC) non corre nessun pericolo su Ethereum

By Alessia Pannone - 29 Nov 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La più grande versione del Wrapped Bitcoin su Ethereum (WBTC) ha visto una crisi di panico a seguito di alcune segnalazioni su Twitter. Infatti, WBTC è stata scambiata con uno sconto persistente rispetto a BTC da metà novembre, scendendo al -1,5% venerdì.

Motivo per cui si è generata la crisi di fiducia per gli asset crittografici impacchettati. Mentre un WBTC dovrebbe sempre essere riscattabile per un BTC tramite commercianti ufficiali, il token viene scambiato anche su mercati aperti, il che significa che il suo prezzo rispetto a BTC può fluttuare.

Cosa è successo su Twitter in merito a WBTC 

L’ufficialità della situazione stabile per WBTC viene data dall’account ufficiale di The Block su Twitter, in cui si legge: 

“Wrapped ether rimane perfettamente a posto, nonostante le battute su Twitter”. 

Prima di questa ultima notizia si era generata una crisi di panico per il Wrapped Bitcoin su Ethereum. Tutto era partito da una serie di battute tra gli esperti crypto su Twitter, per poi degenerare. Tuttavia, WETH avvolto va bene, nonostante ciò che si suggeriva in precedenza. 

Tutto inizia in un momento in cui c’era molta confusione intorno al Bitcoin avvolto, un token che ha uno scopo simile ma funziona in modo molto diverso. Alcune personalità di spicco crittografiche avevano suggerito che WETH fosse insolvente e avrebbe perso, o aveva già perso, il suo legame con Ether. 

Ad esempio, in un tweet di Eric Wall, il CIO di Arcane Assets, si leggeva: 

Lo sviluppatore principale di Yearn, Banteg, ha rivelato che WETH è stato segretamente violato nel 2019. Il toro di Ethereum, Anthony Sassano, ha twittato in un post cancellato da allora: 

“ETH sta facendo il nucleare perché WETH è attualmente insolvente”.

WETH ha un valore di circa $1,3 miliardi, quindi tutto questo sembrava piuttosto terribile. La preoccupazione, infatti, si è fatta strada anche brevemente nei notiziari mainstream di Bloomberg.

Panico per Wrapped Bitcoin su Ethereum: la reazione degli investitor

Di conseguenza, gli investitori sono stati presi dal panico dopo che i grafici circolanti su Twitter hanno mostrato che Alameda Research è di gran lunga il principale commerciante di WBTC per numero di token coniati, avendo creato più di 100.000 WBTC

Ciò ha suscitato timori che WBTC non fosse completamente supportato. Anche se, questi sembrano essere infondati, poiché Alameda avrebbe dovuto inviare tutti i BTC a BitGo, che è il custode ufficiale di WBTC, il che significa che l’ormai defunto exchange non ha mai effettivamente preso in custodia i BTC stessi. 

Il COO di BitGo ha rassicurato gli investitori sul fatto che WBTC è sicuro e completamente supportato, il che può essere confermato on-chain con l’indirizzo pubblico dell’emittente. I protocolli e gli investitori DeFi sono stati senza dubbio sollevati nel vedere lo sconto migliorare durante il fine settimana, ora allo 0,5%.

Dunque, pare che niente di tutto ciò fosse realmente segno di una plausibile preoccupazione. Lo stesso Sassano è tornato su Twitter più tardi con delle scuse, scrivendo: 

“Devo essere chiaro per gli amici dal momento che lo shitposting di WETH ha assunto una vita propria. WETH va benissimo e chiunque affermi il contrario sta scherzando/è sarcastico (o in realtà è serio perché non capisce che WETH va bene). State al sicuro, amici.”

WETH: cos’è e perchè è un concetto “semplice” 

Parte delle motivazioni per cui si sono scatenati dissidi e battute su Twitter in merito alla questione WBTC, è perchè in realtà WETH è un concetto relativamente semplice.

Cioè, quando qualcuno vuole trasformare il proprio ether in ether avvolto, usa lo smart contract e questo blocca i suoi token. Se, ad esempio, si vuole riscattare l’etere avvolto, lo si scarta semplicemente. Durante quel periodo di tempo, l’etere è bloccato in modo sicuro in uno smart contract, che è pubblicamente visibile.

Questo concetto sta a significare diverse cose. In primo luogo, l’ether sottostante non viene prestato per generare rendimento, quindi non c’è il rischio che possano esserci passività nascoste che porterebbero all’insolvenza del protocollo. 

In secondo luogo, l’etere si trova in uno smart contract visibile pubblicamente. Ciò garantisce che chiunque possa verificare che sia completamente supportato in ogni momento. 

Se per tante altre attività che riguardano la criptovaluta c’è sempre il rischio di contratto intelligente, WETH è un pezzo di codice molto semplice che funziona in sicurezza da un po’ di tempo.

Dunque, il nocciolo della questione è il seguente: se un protocollo è veramente decentralizzato e funziona su un codice funzionante, è molto più sicuro delle entità centralizzate che potrebbero gestire male i fondi e perderli. 

Ciò rende WETH una delle poche cose rimaste che Twitter può criptare scherzando in sicurezza quando si tratta di insolvenza.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.