HomeNFTBoom degli NFT della collezione Milady su OpenSea grazie a Elon Musk

Boom degli NFT della collezione Milady su OpenSea grazie a Elon Musk

La collezione NFT Milady Maker è presente su OpenSea fin da agosto 2021. 

Si tratta di quasi 10.000 NFT su Ethereum che fino ad ora ha generato un volume di scambi complessivi di oltre 45.000 ETH (più di 26 milioni di dollari). 

Fino ad aprile 2023, però, non aveva mai superato i 1.500 ETH di volume di scambio settimanale, ma proprio ad aprile ha avuto un boom di vendite. 

Basti pensare che il prezzo medio settimanale delle vendite dei suoi NFT non aveva mai superato i 2 ETH fino ad aprile, ma già ad inizio maggio era salito sopra i 3,5 ETH, con più di 4.400 ETH complessivi di volume di scambio settimanale. 

Quindi si tratta di una collezione di NFT che era già in grandissima crescita nelle ultime settimane, nonostante abbia già quasi due anni di vita. 

L’intervento di Elon Musk fa esplodere gli NFT Milady su OpenSea

Mercoledì, Elon Musk ha pubblicato un tweet che ritraeva una delle immagini della collezione Milady Maker. 

Non è chiaro se Musk sapesse o meno che quell’immagine apparteneva a tale collezione di NFT, tanto che l’ha commentata dicendo “there is no meme, I love you” (non c’è nessun meme, vi amo). 

“There is no meme” in realtà è un meme, solo che ogni volta viene utilizzata un’immagine diversa. 

L’immagine utilizzata da Musk per creare questo meme è sicuramente presa dalla collezione Milady Maker, ma è stata modificata con l’aggiunta di una cornice di fuori rossi. 

Nonostante ciò, ieri gli NFT Miladys sono stati presi d’assalto. 

Milady Maker: il boom della collezione NFT su OpenSea

Il prezzo di base è salito a 4,15 ETH, ed il volume settimanale è schizzato oltre gli 11.000 ETH nonostante siano passati solo poco più di quattro giorni dall’inizio della settimana. 

In altre parole in quattro giorni il volume di scambio è stato quasi tre volte superiore a quello dell’intera settimana precedente, e quasi un quarto dell’intero volume storico degli scambi degli NFT Miladys su OpenSea si è concentrato negli ultimi giorni. 

Non è chiaro se Elon Musk si sia reso conto di ciò che ha fatto, o se addirittura lo abbia fatto apposta per guadagnarci magari avendo acquistato in precedenza alcuni di quegli NFT. 

Quello che però è chiaro è che il patron di Twitter è ancora in grado di influenzare pesantemente i mercati crypto

L’influenza di Elon Musk sui mercati crypto

D’altronde, sebbene ormai da tempo non sia più stato in grado di far riprendere il prezzo della sua amata Dogecoin, è riuscito a far muovere anche molto i prezzi ad esempio di Floki, o in precedenza di Shiba Inu. 

A parte Dogecoin, di cui è risaputo che Musk sia un sostenitore e ne abbia anche acquistati un po’, non è mai stato chiarito se in portafoglio avesse anche FLOKI o SHIB prima che i suoi tweet ne abbiano pompato il prezzo. 

Va tuttavia sottolineato che sul medio/lungo periodo Musk non sembra essere in grado di sostenere il valore di una memecoin. 

I suoi interventi sono in grado di far muovere rapidamente, ed in modo significativo, i prezzi sui mercati crypto solo per poco o pochissimo tempo. 

Ad esempio in questo momento il prezzo di Dogecoin è a -90% dai massimi, così come quello di Floki e quello di Shiba Inu. 

Quindi si tratta di dinamiche solamente di breve o brevissimo periodo, che spesso si dissolvono nel nulla non appena si dirada l’hype. 

Forse anche per gli NFT Miladys andrà a finire così, anche se il loro piccolo boom di aprile era iniziato ben prima del tweet di Musk.

Il mercato degli NFT

Aprile 2023 nel complesso non è stato un mese particolarmente buono per gli scambi di NFT su OpenSea

Il volume complessivo mensile è stato di circa 285 milioni di dollari, contro i 383 milioni di marzo. 

Quello del mese scorso è stato però comunque un volume maggiore ad esempio di quello di novembre 2022, quando superò appena i 255 milioni. 

Le cifra attuali sono molto distanti dal picco storico mensile di 4,8 miliardi di dollari di gennaio 2022, ma sono ancora decisamente superiori a quelli della prima metà del 2021. 

In altre parole, il mercato degli NFT si è sgonfiato un po’ dalla clamorosa bolla della seconda metà del 2021, ma non è affatto tornato ai livelli pre-bolla. Anzi, rispetto ad inizio 2021 i volumi mensili sono ancora di molto superiori. 

Tutto ciò è ancora più rilevante se ci si aggiunge il fatto che OpenSea negli ultimi mesi ha perso il suo storico ruolo di leadership del settore, a favore di Blur

Quindi la situazione in realtà è meno grave di come potrebbe apparire ad un’analisi superficiale, anche se sicuramente il periodo che sta attraversando il mercato degli NFT non sia lo stesso particolarmente florido. 

Le collezioni top

La collezione top degli ultimi sette giorni su OpenSea è proprio Milady Maker. Il boom è stato tale che in soli quattro giorni è salita anche al quarto posto assoluto tra le collezioni top degli ultimi 30 giorni. 

In precedenza stava dominando Mutant Ape Yacht Club, che infatti è ancora al secondo posto settimanale, mentre al secondo posto delle ultime 24 ore c’è Bored Ape Yacht Club. 

Prendendo in esame per l’appunto solo le ultime 24 ore, Milady Maker domina con 1.900 ETH di volumi complessivi di scambio, seguita da Bored Ape Yacht Club con 1.300 e da Mutant Ape Yacht Club con 1.200. 

Al quarto posto c’è Pudgy Penguins con meno di 1.000 ETH di volume di scambio giornaliero. 

Sul settimanale invece al terzo posto c’è Azuki con 12.000 ETH, ovvero quasi alla pari con Mutant Ape Yacht Club. Anche questa classifica è dominata da Milady Maker con 13.000 ETH, ed un +231% rispetto alla settimana precedente. 

I volumi di scambio

Questi numeri in realtà non sono per nulla importanti, ma non sono nemmeno irrisori. 

Quindi in questo momento il mercato degli NFT, in particolare su OpenSea, non è affatto morto, ed anzi continua a sopravvivere con un buon grado di salute. 

Tuttavia, è molto distante dai picchi, che però erano dovuti ad una vera e propria bolla speculativa che inevitabilmente ha finito per scoppiare, come accade sempre prima o poi a tutte le bolle. 

In questo momento non vi è traccia di una bolla speculativa in questo settore, nonostante in determinati momenti si possano formare micro-bolle come quella che probabilmente è in atto sugli NFT della collezione Milady Maker. 

Anzi, il fatto che Bored Ape Yacht Club, Mutant Ape Yacht Club e Azuki siano ancora sulla cresta dell’onda, nonostante lo scoppio della bolla del 2021, significa probabilmente che almeno quelle collezioni per ora non sembrano destinate a finire le dimenticatoio. 

Però nel caso in cui si iniziasse a gonfiare una nuova grande bolla, è possibile che possano essere altre le collezione in grado di raccogliere i maggiori consensi, soprattutto se fossero collezioni nuove create proprio per cavalcare l’onda. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS