Epic Games ha recentemente annunciato che l’accettazione della crypto Monero per i pagamenti nello shop del merchandise del famoso gioco Fortnite sarebbe stato solo un errore casuale.

Read this article in the English version here.

La mossa aveva creato molto scalpore la scorsa settimana, quando Retail Row, il negozio ufficiale del gioco, aveva mostrato fra i metodi di pagamento accettati anche XMR attraverso la piattaforma di pagamento GloBee.

La scelta aveva stupito i giocatori di Fortnite, perché non era stata preannunciata nè dalla comunità di Monero né da Epic Games, anche se comunque sarebbe stata una scelta quasi fondamentale.

Nello stesso tempo, il fatto che si accettasse Monero e non bitcoin aveva sollevato numerose illazioni, fra cui quelle del guru Riccardo Spagni che, via tweet, aveva ipotizzato la preferenza per una criptovaluta che tutelasse meglio la privacy rispetto a BTC.

Il nuovo comunicato di Epic Games, effettuato dal CEO Tim Sweeney, anche in questo caso utilizzando Twitter, chiarisce la casualità e l’eccezionalità del fatto.

Così Monero è stato immediatamente rimosso dallo store del merchandising di Fortnite.

Già sabato scorso 5 gennaio, infatti, Retail Row non mostrava più GloBee fra le diverse opzioni di pagamento.

L’Incidente sarebbe rientrato nell’ambito di un aggiornamento dello shop, con risultati inaspettati, quindi per ora Fornite non si aggiunge agli altri videogame che accettano criptovalute.

Altri giochi online, come Lordmancer 2 e Vibe or Die, permettono di utilizzare e di guadagnare criptovalute all’interno del gioco, anche per facilitare gli scambi fra i giocatori, spesso giovani e non dotati di carte di credito.