Jeff Garzik: perché regalare 15678 bitcoin?
Bitcoin

Jeff Garzik: perché regalare 15678 bitcoin?

By Alfredo de Candia - 11 Ott 2019

Chevron down

15678 bitcoin: questa è la somma regalata in un giveaway dal pioniere Jeff Garzik nel lontano 2010.

Uno dei punti di riferimento di bitcoin, più volte sospettato di essere Satoshi Nakamoto, ha commentato su Twitter un post di un altro utente, Brett Scott, che ha evidenziato alcuni aspetti negativi di bitcoin.

Scott aveva infatti criticato molto gli sviluppi della regina delle crypto in questi ultimi anni, come il fatto che BTC sia diventato un asset di investimento, e quindi uno store of value, piuttosto che un metodo di pagamento. 

Si tratta certamente di un aspetto negativo condivisibile, specie se pensiamo al fatto che se tutti possedessero bitcoin solo come riserva di valore e non lo utilizzassero come sistema di pagamento, allora significherebbe che bitcoin avrebbe fallito come idea originale, che era quella di sostituire le valute fiat.

Jeff Garzik e il giveaway di bitcoin

Seguendo questa logica, è comprensibile il perché all’inizio dello sviluppo di BTC, alcuni personaggi del mondo crypto avrebbero regalato molti bitcoin, proprio come ha fatto Jeff Garzik nel lontano 2010.

In sostanza, come spiega Garzik, il motivo di questi givewaway era proprio quello di incentivarne la diffusione come metodo di pagamento.

Di certo all’epoca il prezzo di bitcoin era veramente irrisorio, basti ricordare il caso delle famose pizze pagate ben 10000 bitcoin proprio per incentivarne la diffusione e la circolazione.

Questa pratica del giveaway la possiamo riscontrare ancora attualmente, sia per promuovere eventi che per diffondere un nuovo progetto, soprattutto una nuova blockchain e i relativi token: non dimentichiamo, per esempio, i vari airdrop di vari progetti come quello recente di K-tune da ben 1 milione di token.

 Infine, per dovere di cronaca, bisogna sottolineare che quei famosi 15678 BTC adesso valgono circa $130 milioni.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.