Bitcoin vince la gara virtuale NASCAR
Bitcoin vince la gara virtuale NASCAR
Bitcoin

Bitcoin vince la gara virtuale NASCAR

By Alfredo de Candia - 28 Apr 2020

Chevron down

A causa dell’attuale pandemia da Coronavirus, molte persone in vari stati del mondo sono a casa con l’impossibilità di muoversi, ma ciò non ha impedito di organizzare tornei online di vari sport. È il caso di Nascar, che ha organizzato una gara virtuale a cui ha partecipato anche una vettura brandizzata con il logo di Bitcoin.

E proprio iRacing ha vinto, battendo piloti professionisti, con una macchina targata Bitcoin.

Qui una foto della macchina:

La competizione Nascar, con oltre 50mila spettatori online, ha visto la partecipazione di diverse star e piloti come Busch, Dale Earnhardt Jr e Denny Hamlin, quindi l’attenzione per la gara è stata molto viva negli spettatori fedeli a questo sport e la vittoria di un utente normale alla guida di una macchina con il logo di Bitcoin ha sicuramente lasciato il segno.

I progetti crypto nello sport: non solo Nascar

Non è la prima volta che un progetto crypto approda in questo settore: per esempio anche nella Formula 1 esiste un progetto blockchain di NFT (Non Fungible Token) e durante la scorsa Mini Challenge una vettura era stata sponsorizzata da Eidoo portando con sé una moltitudine di nuovi fan e utenti per l’azienda svizzera.

La diffusione delle crypto e della blockchain è un processo che non ormai si può fermare e ora nemmeno gli sport più diffusi come il calcio e la pallacanestro si stanno sottraendo a queste nuove tecnologie, basti pensare ai vari token, creati per diverse squadre italiane da Socios e al fantacalcio blockchain di Sorare.

Stiamo quindi assistendo ad un vero e proprio nuovo hype relativo a blockchain e crypto, ma soprattutto di Bitcoin, anche per il fatto che il mese prossimo ci sarà il terzo halving e anche per questo motivo le ricerche su Google Trends sull’argomento continuano ad impennarsi.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.