banner
Amazon verso la creazione di una valuta digitale
Amazon verso la creazione di una valuta digitale
Criptovalute

Amazon verso la creazione di una valuta digitale

By Eleonora Spagnolo - 12 Feb 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Amazon potrebbe presto lanciare la sua valuta digitale. È quello che si evince leggendo un annuncio di lavoro per la ricerca di ingegneri software per lo sviluppo di una valuta digitale.

Il progetto sarebbe destinato per ora ai paesi emergenti e legato alla piattaforma Prime. Amazon Prime è il servizio di Amazon che oltre a consentire spedizioni più veloci pagando un abbonamento annuale, mette a disposizione degli utenti anche film, serie tv e musica in streaming. 

“Questo prodotto permetterà ai clienti di convertire i loro contanti in valuta digitale con cui i clienti possono godere di servizi online, compreso lo shopping di beni e/o servizi come Prime Video”. 

Amazon, una valuta digitale per non restare indietro

Non si sa nulla di più al momento di questo progetto. Sicuramente però Amazon non vuole restare indietro rispetto ad altre big tech. Ad esempio Facebook ormai da anni lavora al lancio della sua stablecoin, Diem (ex Libra) che però sarà una moneta a tutti gli effetti. L’obiettivo di Zuckerberg infatti è che possa essere scambiata anche al di fuori dell’ecosistema di Facebook. 

Amazon al momento non ha lasciato intendere se vuole creare una sorta di token che sia utilizzabile dentro l’ecosistema Amazon, o anche al di fuori di esso. Così come non è noto neppure se sarà basato su blockchain. 

Ad ogni modo, Amazon non è nuova al mondo della blockchain, mentre non è mai parsa entusiasta delle criptovalute, tanto che non le ha mai incluse come metodo di pagamento e neppure sembra intenzionata a farlo. 

Al contrario, altre importanti aziende come Tesla hanno investito in Bitcoin. Elon Musk vorrebbe addirittura che le vetture possano essere pagati in BTC. Anche Apple potrebbe presto entrare nel mondo delle criptovalute, anche se le modalità non sono ancora definite. Potrebbe lanciare una sua piattaforma (un po’ come ha fatto Paypal?) oppure investire in Bitcoin (come Tesla). 

Chissà che queste novità, qualora diventassero effettive, non portino all’adozione di massa delle criptovalute. 

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.