banner
Staking Ethereum 2.0 – Una novità nel mining
Staking Ethereum 2.0 – Una novità nel mining
Ethereum

Staking Ethereum 2.0 – Una novità nel mining

By Guest post - 21 Ago 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Ethereum è una delle criptovalute più impressionanti mai lanciate. Dal lancio di Ethereum nel luglio 2015, questa piattaforma open-source e basata su blockchain ha continuato ad evolversi e a superare le aspettative.

Con già diversi record a suo nome, la previsione del prezzo di Ethereum è quasi una scommessa sicura per coloro che hanno scambiato questa criptovaluta fin dall’inizio. Non stiamo più parlando di un antico Libro di Ra, ma della seconda piattaforma di criptovalute più grande del mondo. È anche sicuro che sia Ethereum che Bitcoin rimarranno in cima alla catena delle criptovalute per molti anni a venire.

Data la costante evoluzione di questa criptovaluta, un aggiornamento avrebbe dovuto apparire molto prima. Per chi fa trading di criptovalute al giorno d’oggi, il fatto che l’attuale blockchain ETH stia per raggiungere i suoi limiti non è più una notizia di Ethereum! Abbiamo finalmente un aggiornamento che arriverà a novembre del 2021 e che promette di risolvere tutti i problemi attuali e di preparare la blockchain per l’evoluzione del mining di Ethereum. Uno degli sviluppatori di Prysmatic Lab, società responsabile dell’infrastruttura di Ethereum 2.0, ha detto che un lancio a novembre è molto probabile.

E mentre questo non è fissato nella pietra, in quanto ci sono un bel paio di fattori che potrebbero influenzare il momento migliore per rilasciare Ethereum 2.0, Raul Jordan, sviluppatore di Prysmatic, sostiene che, nonostante i potenziali controlli di sicurezza e miglioramenti nell’esperienza utente, “novembre è ancora favorevole per un lancio”. Con questo in mente, vediamo cosa sappiamo finora di questo tanto atteso aggiornamento.

Caratteristiche essenziali di Ethereum 2.0

Un aggiornamento della blockchain non può essere paragonato a quello di un sistema operativo o di un’applicazione. In questo caso particolare, gli aggiornamenti vengono eseguiti solo quando la blockchain ne ha assolutamente bisogno e ha raggiunto un punto di non ritorno. Ora, Ethereum 2.0 promette un massimo di 100.000 transazioni al secondo, a differenza della versione precedente, che ne supportava solo 14.

Allo stesso tempo, con questo nuovo aggiornamento, ci sarà una transizione da un meccanismo proof-of-work a uno proof-of-stake. Quest’ultimo presuppone che i miners saranno ricompensati in base alla loro partecipazione alla blockchain. Questo avrà senza dubbio un enorme impatto sulle quotazioni di Ethereum, che molto probabilmente finirà per battere ancora una volta tutti i suoi record precedenti.

L’ottimizzazione peer-to-peer è anche nella lista dei miglioramenti e delle eccitanti novità di Ethereum. I nodi avvantaggeranno le persone con una migliore reputazione e comportamento mentre limiteranno l’attività delle persone meno rilevanti con la nuova versione.

Finora, tutto sembra quasi troppo bello per essere vero. Anche se ci sono ancora alcune miglia da percorrere, qualsiasi nuova difficoltà che potrebbe sorgere lungo la strada e influenzare l’interoperabilità della rete ETH con altre blockchain sarà risolta con questo nuovo aggiornamento.

Infine, le API di Ethereum 2.0 beneficeranno della piena integrazione in Prysm. Per la maggior parte, ETH 2.0 ha lo scopo di portare il valore di Ethereum ad un livello in linea con la sua evoluzione negli ultimi anni. Gli anni di ritardo di questo aggiornamento hanno fatto sì che il mining di Ethereum guadagnasse di più dalle commissioni rispetto al mining di Bitcoin, ovvero 1,2 milioni di dollari in pochi giorni dalle commissioni sulle transazioni!

Esperienza utente e sicurezza

Il nuovo aggiornamento di Ethereum è attualmente in esecuzione sulla rete pubblica di test Medalla, dove viene rigorosamente testato e controllato prima di essere finalmente spostato sulla rete principale. La nota azienda di sicurezza Trail of Bits eseguirà il secondo audit di sicurezza del client ETH 2.0 Prysm. Come per il primo audit, è stato condotto da Quantstamp.

Fino a questo punto, gli sviluppatori dietro ETH credono fermamente che questi due audit saranno sufficienti a garantire la sicurezza di ogni Ethereum miner là fuori e anche a migliorare l’esperienza degli utenti nel prossimo futuro. Naturalmente, l’analisi di Ethereum dopo il secondo audit non segna la fine del lavoro per loro. Hanno l’intera tabella di marcia di fronte a loro, e queste sono le caselle principali che hanno intenzione di controllare:

  • Creare una completa interfaccia web Ethereum 2.0 per Prysm;
  • Risolvere tutti i principali bug prima di passare dalla rete di test alla rete principale;
  • Migliorare l’algoritmo Slasher (questo è l’algoritmo responsabile della punizione degli imbrogli all’interno della blockchain);
  • Creazione di un formato comune per la protezione Slasher per facilitare il trasporto delle chiavi tra gli utenti di Ethereum 2.0.

Cosa comporta la transizione da ETH 1.0 a ETH 2.0?

Prima di tutto, l’aggiornamento di Ethereum 2.0 non comporterà alcun cambiamento significativo e immediato, soprattutto per l’Ethereum miner di tutti i giorni. La transizione sarà notevolmente liscia per proteggere il mining e garantire che il passaggio non avrà alcun lato negativo o effetti avversi.

Come tale, la transizione da Ethereum 1.0 a Ethereum 2.0 avverrà in diverse fasi graduali. In primo luogo, avremo la fase 0, che dovrebbe iniziare a novembre ed estendersi nel corso dell’anno successivo. Da quello che sappiamo finora, la Fase 0 sarà una sistemazione, un fatto che è stato anche confermato dagli sviluppatori dietro il progetto. Ogni miner di Ethereum sarà in grado di “fondere” le proprie criptovalute ETH1 per ricevere il rango di validatore all’interno di ETH2. Questi validatori agiranno come organi di sicurezza della società Ethereum 2.0. Ciò sarà dovuto principalmente al meccanismo di proof-of-stake affrontato in questo aggiornamento.

Ciò significa che la rete inizierà a supportare un modello ibrido che coinvolge sia PoW che PoS. In questo modo, sia i validatori di blocchi che i minatori GPU/ASIC avranno abbastanza spazio di manovra. Così, la criptovaluta Ethereum non passerà alla versione 2.0 da un giorno all’altro. Probabilmente, l’intero processo di transizione potrebbe anche durare anni. Solo il tempo ce lo dirà, ma una cosa è certa: si prospettano tempi eccitanti per i fan di Ethereum!

Conclusione

Alla fine, la Fase 1 rafforzerà i preparativi della Fase 0 e attiverà le blockchain che elaboreranno transazioni e contratti con Ethereum 2.0. Non appena ETH funzionerà esclusivamente su rotaie PoS, due scelte naturali si presenteranno ad ogni miner. La prima sarebbe quella di vendere tutte le attrezzature attuali e iniziare a comprare Ether, mentre l’altra opzione, gambero dei GPU miners (riguardo i GPU miners), sarebbe quella di iniziare la transizione verso altre altcoins. Alla fine, gli esperti non dubitano che l’ecosistema Ethereum non avrà difficoltà ad adattarsi al PoS e che l’intero processo sarà condotto in modo semplice ed efficiente.

Biografia dell’autore:

Arthur Rowley è un appassionato scrittore specializzato principalmente in tecnologia e marketing. Avendo trascorso anni a perfezionare il suo mestiere, ora può assicurarvi che ha molti consensi per queste aree e si dedica a fornire contenuti di blogging di alta qualità.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.