Mike Novogratz: siamo vicini al bottom
Mike Novogratz: siamo vicini al bottom
Criptovalute

Mike Novogratz: siamo vicini al bottom

By Marco Cavicchioli - 16 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il CEO di Galaxy Digital dice che c’è stata un’enorme capitolazione, e che il contesto macro è ancora piuttosto impegnativo, ma forse il fondo è vicino.

Secondo Mike Novogratz Bitcoin è vicino al bottom

Ieri Mike Novogratz è stato intervistato da CNBC durante la celebre trasmissione Squawk Box. 

Durante il suo intervento ha dichiarato tra le altre cose che i livelli di prezzo attuali di Bitcoin dovrebbero essere vicini al bottom. 

Novogratz ha paragonato l’attuale trend del prezzo di Bitcoin a quello dell’hedge fund Long-Term Capital Management, crollato rapidamente alla fine degli anni ’90 del secolo scorso, creando conseguenze negative sul sistema finanziario, e poi salvato dalla Fed. 

Ha detto: 

“Stiamo attraversando quello che per me è un po’ come un momento Long-Term Capital Management nel settore crypto. Era un grande hedge fund tutto a leva finanziaria, e quando ha iniziato a sciogliersi ci sono state ripercussioni ovunque. Lo stiamo vedendo nel settore crypto in questo momento”.

Novogratz a tal proposito ha citato Celsius, la piattaforma di prestiti crypto che da lunedì ha sospeso tutti i prelievi, ed anche il crollo del progetto Terra .

Secondo il CEO di Galaxy Digital questa situazione sta generando una riduzione accelerata dell’indebitamento, quindi con continue liquidazioni complessivamente di grandi volumi. 

Tuttavia ritiene che il bottom possa essere vicino per il prezzo di Bitcoin. 

Novogratz ritiene 21.000$ per Bitcoin e 1.000$ per Ethereum livelli di prezzo vicini ai minimi di questa fase. 

Ha aggiunto: 

“C’è stata un’enorme concentrazione di capitolazione e paura. Di solito non è un buon livello per vendere, ma non significa che non si possa scendere ancora. Penso che il contesto macro sia ancora piuttosto impegnativo là fuori”.

Si riferisce alla situazione in cui versano i mercati finanziari globali, in particolare quelli statunitensi in cui continua a serpeggiare lo spettro di politiche monetarie ancora più restrittive e della recessione economica. 

Il contesto macroeconomico instabile non aiuta il mercato delle criptovalute

Quindi non ritiene affatto che il crollo sia terminato, ma che la fine di questa fase di discesa possa essere vicina. 

Da notare che il vero e proprio crollo degli ultimi cinque giorni, ieri sembra essersi momentaneamente arrestato, ma per ora non ci sono segni di una possibile inversione di tendenza sul breve periodo. 

Bisogna però ricordare che un livello chiave potrebbero essere i 19.500$ toccati a dicembre 2017 come massimo del precedente ciclo, e che durante il crollo in corso non sono ancora stati toccati. Le parole di Novogratz sembrano essere compatibili con l’ipotesi di considerare 19.500$ il possibile bottom in questa fase. 

Tuttavia spesso Bitcoin ci ha abituati ad oscillazioni che smentivano le previsioni, quindi non conviene dare per certo che il prezzo non possa scendere anche sotto i 19.500$. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.