Renault: accordo con il metaverso di The Sandbox
Renault: accordo con il metaverso di The Sandbox
Metaverse

Renault: accordo con il metaverso di The Sandbox

By Martina Canzani - 7 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Renault, la casa automobilistica francese fondata nel 1898 a Parigi, ha deciso di entrare a far parte del nuovo universo phygital: il metaverso.

Secondo indiscrezioni, la filiale coreana di Renault, sembra essere in procinto di chiudere una grossa partnership con The Sandbox, la regina del metaverso.

Renault, come tanti altri marchi, sembra quindi aver captato l’importanza di dover entrare e prendere posto in questa nuova dimensione digitale e interattiva.

Renault presto nel metaverso

Renault ha scelto di siglare una partnership con The Sandbox poiché è una delle piattaforme più performanti nel panorama phygital.

La casa automobilistica ha deciso di lanciarsi in questa nuova sfida poiché il progresso e lo sviluppo del web 3.0 sta avvenendo con una velocità disarmante e rimanerne fuori non può essere un’opzione.

Con questa partnership l’obiettivo di Renault Korea è quello quindi di iniziare a  definire la propria presenza nel metaverso, presentando ai clienti esperienze automobilistiche virtuali basate sul proprio marchio. 

Un vero e proprio gioco che permette di presentare i prodotti di Renault sotto un’altra luce, in un’ottica più contemporanea e al passo con i tempi.

Il metaverso offre infatti strumenti ed esperienze totalmente nuove che permettono di coinvolgere il potenziale acquirente in modo innovativo.

Queste esperienze automobilistiche mirano ad arricchire la piattaforma The Sandbox e consentono, contemporaneamente, a Renault di raggiungere un pubblico più ampio e giovane.

L’universo phygital permette infatti di ampliare con forza la platea dei potenziali clienti in un modo mai visto prima.

Cindy Lee, CEO di The Sandbox Korea, ha rilasciato una dichiarazione su questo accordo:

“Questa partnership è un ottimo esempio di collaborazione. Sandbox può svilupparsi senza confini industriali. Siamo in grado di introdurre nuovi tipi di esperienze che combinano automobili e risorse digitali”.

Dati dettagliati sulla portata della partnership e la natura delle esperienze che Renault presenterà nel metaverso non sono state anche rese pubbliche.

Gli amanti del marchio ora dovranno solo avere un po’ di pazienza ed aspettare tutti gli aggiornamenti. 

metaverso the sandbox renault
Renault sta per fare il suo ingresso nel metaverso grazie alla partnership con The Sandbox

Auto e metaverso

Per dare un po’ più di contesto a quest’interessante news, si deve precisare che Renault non è la prima casa automobilistica a decidere di abbracciare le potenzialità del web 3.0.

Le aziende automobilistiche che decidono di collocare i propri prodotti nel metaverso, offrendo un servizio nuovo e all’avanguardia, sono infatti ormai molte.

Nissan, la casa automobilistica giapponese, per esempio, ha utilizzato il metaverso per permettere a tutti di assistere al lancio di una delle sue ultime auto elettriche: “Sakura”. 

L’azienda ha allestito un mondo virtuale in cui i potenziali clienti potevano guidare l’auto, esaminando le caratteristiche e le forme. Questa esperienza, secondo Nissan, ha fornito un’opportunità per entrare in contatto con un nuovo pubblico come mai prima d’ora. Inoltre, l’azienda ha dichiarato: 

“Siamo entusiasti del futuro e continueremo a innovare nuovi approcci digitali per i nostri prodotti”.

Honda, invece, quest’estate ha iniziato a parlare del suo nuovo metaverso: Hondaverse.

Quest’ultimo è stato pensato per Twitch ed è un mondo virtuale all’interno del celebre videogioco Fortnite. Abbiamo approfondito l’argomento in questo articolo.

È bene poi precisare che ad abbracciare questa nuova realtà phygital non sono state solo le case automobilistiche ma anche importanti aziende appartenenti ad altri settori.

Si parla, infatti, di metaverso anche nel mondo della moda, dell’intrattenimento e della scienza.

Martina Canzani

Laureata in Legge all'Università degli Studi di Milano. Concluso il percorso accademico ha iniziato ad interessarsi al mondo della blockchain, trovando in quest'ultimo un potente strumento di riscatto. La passione si è poi trasformata in lavoro, ora infatti investe in progetti early-stage di finanza decentralizzata e DAO e scrive articoli raccontando tutte le news riguardanti il mondo crypto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.