HomeCriptovaluteIl crypto airdrop di Starknet è sempre più vicino: ultima chance per...

Il crypto airdrop di Starknet è sempre più vicino: ultima chance per diventare eleggibili

Ci siamo: Starknet sta per annunciare il rilascio della propria crypto STARK con un airdrop annesso a tutti gli early adopters del proprio ecosistema decentralizzato.

Diversi rumors, confermati in parte dallo stesso team di Starknet, ci dicono che la nuova moneta del layer-2 zk rollup sta per arrivare in tempi molto brevi.

Da qui fino a fine mese ci sarà l’ultima chance per qualificarsi come soggetti eleggibili per riscattare l’airdrop, non appena verrà reso pubblico.

Vediamo in questo articolo quali sono i passaggi da eseguire per poter ricevere token in regalo dal progetto che negli ultimi anni ha ricevuto finanziamenti per 282 milioni di dollari.

Si stima che sarà uno degli airdrop più grandi della storia delle criptovalute.

Rumors confermati di un airdrop imminente per Starknet

Qualche giorno fa su X sono trapelati dei rumors riguardo il lancio imminente dell’airdrop di Starknet.

Alcuni utenti mentre navigavano per il web, si sono imbattuti in un sub-dominio che sembrava appartenere a Starknet, all’interno del quale erano presenti tutte le informazioni sui criteri di eleggibilità per il prossimo airdrop della crypto STRK.

In particolare secondo quanto emerso dalla pagina, ora cancellata, sarebbero stati premiati un’ampia varietà di partecipanti all’ecosistema, tra cui  gli sviluppatori Starknet che hanno caricato almeno 5 commit su GitHub, gli sviluppatori GitHub indicati nei rapporti Ethereum di Electric Capital, i primi utilizzatori e staker di Ethereum e gli utenti Starkex prima di Giugno 2022.

Ciò che ha stupito di più delle informazioni presenti in questa sezione, è la presenza degli utenti Ethereum, che pur non avendo mai interagito con il rollup, avrebbero un posto di merito nella tanto ambita selezione.

Per quanto riguarda gli utilizzatori della blockchain di Starknet, non erano presenti maggiori chiarimenti riguardo quali azioni specifiche avrebbero garantito un accesso all’airdrop.

airdrop starknet criteria

Molti utenti hanno messo in discussione la veridicità di questo sub-dominio evidenziando un errore di battitura nella parola “Starknet”, storpiata in “Straknet”.

Ad ogni modo, nonostante le sempre più crescenti perplessità, il team del rollup zk dopo pochi giorni ha finalmente tolto ogni dubbio alla propria community, chiarendo che che la pagine si riferiva ad un portale di test a cui gli sviluppatori stanno lavorando da tempo.

Si tratterebbe dunque di un front-end che, come molti altri, non necessariamente sarebbe diventato pubblico e che la sua creazione era dedicata a testare un piano per la distribuzione dell’airdop di STRK.

Starknet ha dunque confermato la presenza di un airdrop e che la propria community sarà ricompensata per gli sforzi messi in atto per sostenere l’ecosistema crittografico.

Continuando nel post su X pubblicato, lo stesso team ha anche affermato che ogni interazione da qui in avanti non sarà più conteggiata e non potrà influire in alcun modo sull’idoneità dell’airdrop.

Nonostante ciò, spesso in passato abbiamo assistito alla pubblicazione di false dichiarazioni da parte degli esponenti di progetti blockchain e dunque anche in questo caso possiamo immaginare che future transazioni potrebbero comunque comportare l’eleggibilità per l’airdrop.

Ciò che è sicuro invece, è che il rilascio del token di Starknet è ormai alle porte e potrebbe arrivare in tempi brevissimi.

Diventa eleggibile per l’airdrop con questi passaggi

Siamo agli sgoccioli per l’airdrop di Starknet: questa è sicuramente l’ultima occasione che abbiamo per diventare eleggibili con il nostro indirizzo crittografico.

Innanzitutto, prima di svolgere qualsiasi tipo di operazione, assicuratevi di conoscere i meccanismi della DeFi e del web3 e di aver svolto qualche transazione sull’Ethereum Mainnet in passato.

I meccanismi anti-sybil, escludono a priori tutti quei wallet che non sono mai stati attivi su Ethereum e che sono stati creati da poco.

Procedete poi sul fronte operativo solo se disponete di almeno 1000 dollari in crypto da dedicare a questo genere di attività.

I passaggi da eseguire sono i seguenti:

  1. Creare un wallet ArgentX o Bravos e depositare i primi ETH tramite il bridge ufficiale Starkgate: si può optare anche per bridge di terze parte meno costosi in termini di commissioni, ma è consigliabile far passare i propri fondi almeno una volta su quello nativo;
  2. Eseguire almeno 10 swap e fornire liquidità su almeno 3 piattaforme: (le più famose sono 10kswap, Zklend, Myswap e Jediswap). In generale, più si fanno operazioni in DeFi più si ha possibilità di ricevere token dall’airdrop;
  3. Comprare un dominio Starknet: così come i protocolli presenti su Ethereum e Solana, anche su Starknet esistono marketplace di domini decentralizzati. Mintarne uno su “Starknet.ID” costa solo 0,009 ETH per 1 anno di registrazione;
  4. Utilizzare l’applicazione di messaggistica DMAIL e partecipare a compravendite  di NFT: la piattaforma DMAIL in particolare è una chicca della blockchain di Starknet e il suo utilizzo potrebbe dare il diritto esclusivo a ricevere l’airdrop;
  5. Fare il deploy di uno smart contract direttamente su Starknet: anche se non si hanno competenze in ambito coding, esistono molti tools che permettono di fare il deploy ed interagire in seguito con uno smart contract svolgendo delle semplici funzioni automatizzate.

Di seguito una guida fornita dall’utente X “Juliweb3” che spiega passo dopo passo come completare questo passaggio.

Non dimenticatevi di controllare periodicamente i vostri progressi da qui fino ai prossimi mesi, utilizzando dei simulatori di airdrop, che vi indicheranno tutti i dati di cui avete bisogno per valutare la vostra presenza sulla blockchain.

In linea di massima dovete aver interagito con più di 15 protocolli ed aver generato un volume superiore ai 10.000 dollari, complessivamente in almeno 3-4 settimane di operazioni.

Gli strumenti migliori in questo senso sono: 10kdrop, Bravos Pro Score, ZkCodex e Trustgo.

Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS