HomeCriptovaluteEthereumIl più grande emittente di ETP 21Shares analizza l’impatto del prossimo aggiornamento...

Il più grande emittente di ETP 21Shares analizza l’impatto del prossimo aggiornamento Pectra sulla blockchain di Ethereum

Di recente 21Shares, società leader nell’emissione di ETP legati alle crypto, ha analizzato l’impatto delle migliorie tecniche che saranno apportate dal prossimo aggiornamento Pectra alla blockchain di Ethereum, schedulato per il Q4 2024/Q1 2025.

Sulla carta Pectra dovrebbe portare maggiore efficienza dei capitali bloccati in staking e maggiore flessibilità per quello che concerne la gestione delle transazioni.

In particolare l’EIP-7702, proposto recentemente da Vitalik Buterin, se verrà incluso all’interno di Pectra (rimpiazzando l’EIP 3074) potrebbe fornire nuove funzionalità tipiche da smart contract ai portafogli EOA degli utenti aggiungendo peculiarità molto interessanti.
Vediamo di seguito di cosa si tratta.

21Shares: il più grande gestore di ETP studia le migliorie che verranno apportate alla blockchain di Ethereum grazie a Pectra

Secondo quanto riportato da Adrian Fritz, Head of Research del più grande emittente di ETP crypto 21Shares, l’impatto del prossimo aggiornamento Pectra sulla blockchain di Ethereum potrebbe essere determinante per il futuro ecosistema crittografico.

Pectra, arriva dopo la recente implementazione di Dencun, e sarà una combinazione dei due upgrade Electra e Prague, rispettivamente finalizzato a modificare il livello di consenso e il livello di esecuzione della rete.

Secondo quanto schedulato dall’Ethereum Foundation e dal suo team di sviluppatori, l’aggiornamento e il prossimo hard fork del network arriverà tra la fine del 2024 e l’inizio del 2025.

Il client Nethermind, ha già rivelato al pubblico che l’implementazione sulla testnet è andata a buon fine ed ora il prossimo appuntamento è con pectra-devnet-0.

Pectra rappresenta una risposta all’evoluzione dell’ambiente circostante alla blockchain di Ethereum, con numerose migliorie che saranno apportate grazie ai 6 EIP (Ethereum Improvement Proposal) che saranno inclusi all’interno di essa:

EIP-6110: Fornire depositi validatore sulla catena

EIP-7002: uscite attivabili a livello di esecuzione

EIP-7549: Spostamento dell’indice del comitato all’esterno dell’attestazione

EIP-2537: precompilazione per operazioni sulla curva BLS12-381

EIP-3074: codici operativi AUTH e AUTHCALL

EIP-7251: Aumenta MAX_EFFECTIVE_BALANCE

Come analizza il famoso emittente di ETP 21Shares, l’aggiornamento Pectra nel suo complesso aiuterà a rafforzare la stabilità del network e a perfezionare l’esperienza degli utenti.

In particolare uno dei focus principali dell’aggiornamento è finalizzato ad aumentare la quota dello stake per partecipare al consenso da 32 ETH a 2.048 ETH, evitando la frammentazione dei capitali da parte dei grandi validatori che ad oggi devono utilizzare una moltitudine di portafogli differenti per gestire lo stake sulla Beacon chain.

C’è da dedicare poi una menzione d’onore all’EIP 3074 che intende apportare migliorie significative alla gestione delle risorse di un portafoglio, includendo funzionalità tipiche degli smart contract agli account EOA.

Semplificando possiamo riassumere gli effetti nell’introduzione delle cosiddette “transazioni sponsorizzate” che permetteranno di utilizzare il network di Ethereum pur in assenza di ETH per pagare il gas

Lo stesso EIP vuole inoltre introdurre la possibilità di effettuare più azioni in una singola tx e allo stesso tempo aggiungere una soluzione di social recovery per tutti i wallet inattivi dopo un anno.

21Shares ci ricorda che Pectra andrà a risolvere anche il problema  dei cosiddetti “account vuoti”, ovvero di quegli utenti con asset o fondi investiti pari a zero, provvedendo ad escluderli dal network.

Così si dovrebbe liberare dello spazio di rete, che porterà a un alleggerimento generale del sistema e, di conseguenza, a un’elaborazione più semplice e veloce delle transazioni.

L’EIP-7702 di Vitalik potrebbe rimpiazzare l’EIP-3047: al via i dibattiti tra gli esperti della community di Ethereum

Se fino a pochi giorni fa era chiaro che l’EIP-3047 sarebbe stato incluso all’interno dell’hard fork Pectra, ora non è più così scontato dopo che Vitalik Buterin ha proposto il nuovo EIP-7702 che potrebbe rimpiazzare il primo eliminandone alcune criticità.

Come afferma l’emittente di ETP crypto 21Shares, anche questa proposta, in maniera analoga all’EIP 3047, mira a trasformare i portafoglio EOA degli utenti in account più sofisticati, ma con un modus operandi più snello.

Mentre infatti  l’EIP-3074 proposto dallo sviluppatori Ayush Bherwani e 0xDanki intende implementare la possibilità per i wallet EOA di autorizzare contratti intelligenti ed effettuare transazioni per loro conto, l’EIP 7702 di Vitalik permette agli stessi wallet di diventare temporaneamente account abilitati alla firma di contratti intelligenti durante una transazione, tornando poi indietro dopo l’esecuzione.

Si tratta di una differenza sottile ma con effetti ben visibili poiché nel primo approccio è necessario introdurre nuovi codici operativi (auth e authcall) oltre all’implementazione di contratti invoker che complicherebbe il lavoro della rete Ethereum.

L’EIP-7702 di Vitalik rispetto al primo risulta essere più flessibile (sebbene tecnicamente più complesso da realizzare) ma allo stesso tempo garantisce la piena compatibilità con account abstraction e con lo standard ERC-4337.

Da sottolineare poi come l’EIP-3047 sottenda dei rischi associati all’autorizzazione di smart contract, aggiungendo la possibilità di svuotare un completo indirizzo con una sola firma (come succede su Solana), mentre al momento servono “n” firme, dove “n” è il numero di beni posseduti da un EOA.

Al momento questo EIP, come descritto nel paragrafo precedente, è già stato incluso nel programma di implementazione di Pectra, ma dopo l’intervento di Vitalik è possibile che venga rimpiazzato.

Proseguono senza sosta i dibattiti della community e degli esperti del settore per capire quale sarà la soluzione migliore da adottare.

Stando al commento di Adrian Fritz, 21Shares è favorevole alla proposta di Vitalik in quanto espande le funzionalità e le potenzialità dei portafogli crittografici, mantenendo intatta la componente di sicurezza, Ecco le sue parole:

“Noi di 21Shares guardiamo la EIP 7702 con favore, la quale rispecchia anche la nostra tesi secondo cui le criptovalute non potranno mai arrivare a integrare milioni di persone in più senza fornire loro un’interfaccia intuitiva, che somigli all’esperienza user-friendly con cui hanno familiarità sulle applicazioni Web2.”

L’augurio alla blockchain di Ethereum è che queste proposte di miglioramento verranno implementate con successo seguendo la timeline stabilita e che possano apportare miglioramenti del calibro di quanto fatto con Dencun, che ha ridotto notevolmente il costo delle commissioni sui layer-2 del network.

Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick