La testnet di Facebook Libra è ora disponibile sul wallet ZenGo
Criptovalute

La testnet di Facebook Libra è ora disponibile sul wallet ZenGo

By Emanuele Pagliari - 20 Ago 2019

Chevron down

Nella giornata di ieri la nota piattaforma ZenGo ha comunicato tramite il proprio account Twitter ufficiale di aver reso disponibile sul proprio servizio di crypto wallet senza chiavi, la testnet dedicata alla criptovaluta Libra del colosso Facebook.

Si tratta della prima piattaforma consumer sul quale è attualmente possibile utilizzare Facebook Libra, anche se ovviamente si tratta di token fittizi utilizzati esclusivamente per test.

Con questa mossa, ZenGo ambisce a diventare infatti il primo wallet mobile di terze parti a supportare pienamente la criptovaluta Libra non appena sarà rilasciata la mainnet.

Gli utenti potranno dunque inviare, ricevere, effettuare backup o ripristinare il proprio wallet per Libra senza la necessità di effettuare il KYC e senza dover ricorrere alle chiavi private.

ZenGo diventa il primo wallet mobile a supportare Facebook Libra

Leggendo il comunicato ufficiale riportato sul blog dell’azienda, viene indicato che è possibile accedere alla testnet di Facebook Libra sfruttando il tasto virtuale Account, disponibile una volta effettuato il login sulla piattaforma.

Premendo su di esso infatti, è possibile attivare l’account sulla testnet di Libra. Inoltre, come specificato dal comunicato, una volta attivata tale feature verranno automaticamente mandati alcuni token fittizi sui wallet degli utenti, così da consentire loro di provare ad inviare e ricevere token.

In contemporanea all’annuncio di Libra, Facebook aveva anche annunciato il primo wallet ufficiale della moneta, ovvero Calibra, che però non è ancora stato rilasciato. A differenza della soluzione di ZenGo, Calibra è un wallet di tipo custodial, ovvero che consente all’azienda di avere il controllo totale sui fondi e transazioni degli account degli utenti.

Il wallet di ZenGo invece, oltre ad essere la prima soluzione pronta a Facebook Libra è anche un non-custodial wallet. Ciò significa che solo gli utenti possono controllare e movimentare i propri fondi.

Negli ultimi giorni Libra è stata spesso al centro dell’attenzione, in parte per via del recente annuncio del progetto Venus da parte di Binance, in parte per via delle varie diatribe fra gli enti di regolamentazione delle varia nazioni, che hanno mostrato un certo astio nei confronti della criptovaluta di Facebook.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.