Fidelity investe nell’exchange crypto OSL
Fidelity investe nell’exchange crypto OSL
Criptovalute

Fidelity investe nell’exchange crypto OSL

By Amelia Tomasicchio - 21 Feb 2020

Chevron down

Fidelity International, fondo che fa parte del più famoso Fidelity Investments, ha investito 14 milioni di dollari nell’exchange crypto OSL. Con questo investimento, Fidelity ha praticamente comprato 17 milioni di quote dell’azienda ad un prezzo quindi di HK$6.50 (US$0.83) per azione, come si può leggere in un documento diffuso oggi

In pratica, Fidelity ha investito per avere il 5,6% dell’exchange di Hong Kong.

Fidelity International aveva già investito 36 milioni di dollari in BC Group.

Aveva spiegato il CEO di BC Group Hugh Madden:

“Siamo eccitati di vedere come investitori in equity di classe mondiale stiano aumentando le loro partecipazioni nel settore ad alta crescita del digitale, e non vediamo l’ora di raggiungere nuove milestone con i nostri investitori istituzionali leader dell’industria”

L’interesse di Fidelity negli investimenti crypto

Ad inizio febbraio di quest’anno sempre Fidelity aveva investito 13 milioni di dollari in Clear, confermando il suo interesse nel settore crypto e blockchain visto che questa piattaforma basata su blockchain consente alle società di telecomunicazioni di collaborare e regolare i pagamenti in modo automatizzato.

Sempre a inizio mese Fidelity aveva pubblicato sul social Twitter un articolo molto positivo sulle criptovalute e in particolare su bitcoin dal titolo “Bitcoin rende obsolete tutte le altre monete”, che lasciava quindi poco spazio di interpretazione sull’idea che Fidelity ha sulle crypto.

Già a dicembre dello scorso anno, il gigante americano dei servizi finanziari aveva aperto in Europa Fidelity Digital Assets per fornire assistenza anche in ambito crypto ai clienti europei, dopo che già il servizio era stato attivato in America.

Ancora, nell’agosto del 2019, Fidelity Charitable, ramo dell’azienda dedito alla raccolta delle donazioni benefiche, aveva pubblicato un report spiegando che tra i vari metodi di pagamento accettava anche le crypto e dicendo che – dal 2015 all’estate del 2019 – erano stati raccolti $106 milioni in crypto.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.