Uniswap fa aumentare le fee di Coinbase
Uniswap fa aumentare le fee di Coinbase
Criptovalute

Uniswap fa aumentare le fee di Coinbase

By Alfredo de Candia - 18 Set 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Coinbase Pro ha comunicato ieri che gli utenti dovranno iniziare a pagare le fee di commissioni della rete di Ethereum, motivazione giustificata dal fatto che nell’ultimo periodo il costo delle stesse è diventato molto elevato anche per colpa di Uniswap.

Solo nella giornata di ieri, infatti, con l’airdrop del token UNI a tutti gli indirizzi che hanno interagito con la piattaforma di Uniswap, si è raggiunto un gas di 800 Gwei proprio perché la gente era occupata a fare il claim del token per spostarlo e in certi casi venderlo.

Coinbase lista token DeFi per frenare Uniswap

Nella lotta tra Uniswap e Coinbase per la supremazia dei volumi, l’exchange ha deciso di listare diversi token DeFi già presenti sul DEX.

L’exchange Coinbase ha infatti annunciato ieri sera il listing sia del token Loopring (LRC) che di Yearn Finance (YFI), che sono già ora disponibili sulla piattaforma di trading.

Da ieri è possibile comprare, vendere, ricevere e salvare entrambi gli asset sia su Coinbase che anche sulle relative applicazione per smartphone iOS ed Android, disponibili per tutte le regioni supportate tranne che per lo Stato di New York.

Ricordiamo che solo una settimana fa Coinbase aveva annunciato il listing di Yearn Finance sulla piattaforma professione di Coinbase Pro, quindi era nell’aria il listing di questo token.

Questi asset non rientrano però in quelli che avevano preventivato di listare sulla sua piattaforma, come Balancer, Curve, tBTC, wBTC ed altri ancora, parliamo di ben 19 asset che erano stati scelti un paio di mesi fa. Questo dimostra che ci sono altri parametri che vengono presi in considerazioni per il listing.

Se da un lato abbiamo un token interessante come potrebbe essere quello di Loopring, dall’altra abbiamo un token che è stato definito inutile  e senza valore dagli stessi sviluppatori del progetto, quindi possiamo dedurre che Coinbase abbia fatto questa mossa per trarne un vantaggio economico piuttosto che supportare un progetto solido e valido.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.