La DeFi continuerà a sconvolgere il mercato?
La DeFi continuerà a sconvolgere il mercato?
Defi

La DeFi continuerà a sconvolgere il mercato?

By Guest post - 1 Mag 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

La finanza decentralizzata, o DeFi, è riuscita a spiccare il volo negli ultimi 12 mesi. Le piattaforme che guidano questo mercato hanno visto una crescita esponenziale, con un aumento di 25 volte degli asset bloccati nel corso dell’ultimo anno. 

Dunque, cosa sta guidando questa espansione stratosferica, quanto è sostenibile e ci sono soggetti istituzionali che potrebbero essere coinvolti?

La differenza tra la finanza centralizzata e la DeFi è analoga alla differenza tra un bookmaker e un exchange di scommesse. 

Mentre un bookmaker normale calcola le quote, accetta le scommesse e paga le vincite, un exchange di scommesse è un mercato che collega i consumatori che vogliono fare scommesse opposte e prende una commissione sulle vincite. 

Analogamente, le piattaforme di lending DeFi connettono mutuatari e prestatori e calcolano automaticamente i tassi d’interesse in base alla domanda e all’offerta. Inoltre, poiché questa connettività è interamente automatizzata da smart contracts, le commissioni tendono ad essere molto basse. 

La DeFi ha iniziato a prendere slancio alla fine del 2018 attraverso il lavoro di una serie di progetti blockchain vagamente correlati. Come suggerisce il nome, l’obiettivo principale è quello di offrire servizi finanziari senza intermediari. Il 2020 ha visto un’enorme espansione delle soluzioni crypto di prestito e credito, che, a sua volta, hanno portato a una maggiore consapevolezza delle piattaforme sottostanti. 

Le ragioni della crescita del mercato DeFi

La crescita del mercato DeFi è guidata in parte dalla necessità degli investitori in criptovalute di accedere alla liquidità. In questo senso, il mercato degli asset digitali condivide dei punti in comune con i mercati delle materie prime, dove la liquidità è altrettanto fondamentale. Queste dinamiche producono il potenziale per i possessori di asset di guadagnare rendimenti interessanti, in particolare nell’attuale era di tassi ultra-bassi.

Per esempio, le reti di credito come Compound, Maker e dYdX offrono ai possessori di criptovalute la possibilità di guadagnare interessi su beni che in precedenza rimanevano inattivi in cold wallet. I mutuatari sono in genere tenuti a fornire un collaterale che supera la dimensione del prestito, mentre i prestatori guadagnano interessi regolari, ma ad un tasso variabile. Questo dà origine al concetto di yield farming, dove i proprietari di asset mettono i loro asset “al lavoro” in vari pool di liquidità differenti nel tentativo di aumentare il loro rendimento percentuale annuo (APY). 

Questo può rivelarsi redditizio, con alcune piattaforme che offrono rendimenti percentuali annuali a due cifre (APY) su stablecoin ancorate al dollaro americano. Pertanto, non sorprende che una stima di 44,2 miliardi di dollaro sono ora bloccati nelle piattaforme DeFi, come riportato dai siti web di monitoraggio.

Il lending è comunque solo una parte della DeFi, con numerose altre piattaforme che stanno già sperimentando altri servizi come il trading e i mercati di previsione (come Augur). Piattaforme come Uniswap, e il suo fork Sushiswap, hanno realizzato una crescita impressionante nel 2020, accumulando un totale combinato di oltre 4 miliardi di dollari di liquidità secondo DeFi Pulse. In sostanza, questi operatori fungono da market maker automatizzati, utilizzando un protocollo innovativo e trasparente per collegare trader e provider di liquidità attraverso smart contract, il tutto senza la necessità di un intermediario centrale.       

Benché queste piattaforme siano state stimolate da una marea di entusiasmo da parte degli investitori retail, ci sono ancora alcune questioni da risolvere prima che diventino un’opzione valida per gli operatori istituzionali. Per prima cosa, la DeFi comporta ancora un significativo rischio tecnologico. I flussi di capitale all’interno dei protocolli DeFi sono governati da smart contract immutabili. Sebbene questo garantisca che siano a prova di manomissione, sono ancora programmati da esseri umani e i bug e le vulnerabilità rimangono relativamente comuni come risultato. 

Nel marzo di quest’anno, per esempio, le posizioni di 1.200 prestatori sulla piattaforma Maker sono state improvvisamente liquidate a causa di una reazione a catena causata da un rapido calo del prezzo di Ethereum. A novembre, un hacker è riuscito a rubare 8 milioni di dollari al CEO di Nexus Mutual Hugh Karp compromettendo il suo portafoglio MetaMask basato su browser. Tali attacchi costituiscono un forte argomento per le soluzioni di custodia enterprise. Uno dei partner di AlgoTrader, Fireblocks, ha soddisfatto questa esigenza fornendo un kit di sviluppo software DeFi focalizzato sul mercato istituzionale. 

Le preoccupazioni normative pongono un’ulteriore barriera. Ricordiamo che le piattaforme DeFi mirano a rimuovere gli intermediari e, come tali, sono tipicamente costituite da smart contracts in esecuzione su Ethereum. In questo modo, non è sempre ovvio che ci sia un’istituzione o un individuo da regolamentare. Il principio di base sembra essere che se uno smart contract può essere controllato da un amministratore che ha privilegi speciali, è soggetto alla regolamentazione. Se invece non esistono tali privilegi (come nel caso di Uniswap), nessuno può essere ritenuto responsabile, anche se è ben noto chi ha sviluppato lo smart contract. 

Di conseguenza, alcune banche e fornitori di servizi finanziari stanno esplorando i modi in cui i protocolli DeFi potrebbero essere utilizzati per integrare, piuttosto che sostituire, le loro offerte esistenti. Infatti, AlgoTrader sta lavorando per integrare gli exchange decentralizzati direttamente nel proprio prodotto in modo che i trader abbiano la libertà di fare trading sia su exchange centralizzati che decentralizzati. Questa funzionalità sarà attiva più avanti nel 2021.

Nel breve termine, alcuni operatori affermati stanno cercando di fornire un’alternativa centralizzata ai servizi di prestito di criptovalute. I giocatori svizzeri come Bitcoin Suisse, SEBA e Sygnum, per esempio, riconoscono che il prestito e il credito sono casi d’uso di crypto asset molto interessanti, permettendo loro di aumentare le loro soluzioni di custodia con un servizio aggiuntivo. Inoltre, gli operatori centralizzati tendono ad essere in grado di offrire ai prestatori rendimenti più elevati sui prestiti di ETH e BTC rispetto alle piattaforme DeFi, il che suggerisce che possono rimanere competitivi pur guadagnando un margine. 

Il recente successo della DeFi illustra alcune delle dinamiche sottostanti al mercato delle criptovalute. In particolare, mostra una grande e crescente domanda di servizi finanziari basati sulle criptovalute, in particolare il lending. Mentre le piattaforme decentralizzate hanno guadagnato terreno nello spazio retail grazie alla loro crescita stellare negli ultimi mesi, anche le istituzioni finanziarie regolamentate stanno iniziando a rispondere a queste tendenze. Saranno necessarie soluzioni ibride da parte dei giocatori regolamentati e ulteriore chiarezza normativa prima che i giocatori istituzionali comincino a salire a bordo in massa. Tuttavia, la DeFi è emersa come un chiaro candidato a svolgere un ruolo centrale nell’economia degli asset digitali di domani.  

Autore

Andy Flury, fondatore e amministratore delegato di AlgoTrader AG

Andy Flury è un imprenditore seriale e un esperto di trading quantitativo. Andy è un ex pilota della Swiss Air Force. Ha guidato progetti presso l’Agenzia di intelligence svizzera e varie grandi banche. Nel 2010 Andy è diventato partner e responsabile del trading algoritmico presso Linard Capital AG, un hedge fund quantitativo con sede in Svizzera. Nel 2014 Andy ha avviato AlgoTrader, una piattaforma completa dedicata al trading algoritmico che consente alle società di trading buy side e sell side di sviluppare, simulare, testare e implementare rapidamente strategie di trading quantitativo automatizzato su un’unica piattaforma. Inizialmente progettato per azioni globali, futures, forex e opzioni, dal 2017 AlgoTrader supporta completamente il trading automatizzato di criptovalute. All’inizio del 2020 l’azienda ha lanciato il loro nuovo prodotto WIRESWARM, un sistema avanzato di gestione degli ordini e dell’esecuzione (OEMS) per il trading e l’esecuzione degli asset digitali. Consente alle banche e ai broker di connettersi agevolmente con le sedi di trading di asset digitali e criptovalute più liquide e regolamentate del mondo. Andy Flury ha conseguito un master in gestione industriale e ingegneria della produzione presso l’ETH di Zurigo e un Executive MBA presso l’Università di San Gallo.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.