Bitcoin infiamma i mercati crypto, sulle borse paura per Evergrande
Bitcoin infiamma i mercati crypto, sulle borse paura per Evergrande
Criptovalute

Bitcoin infiamma i mercati crypto, sulle borse paura per Evergrande

By Eleonora Spagnolo - 21 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

I mercati crypto ieri hanno festeggiato il nuovo record storico di Bitcoin che ha sfiorato i 67.000 dollari. Al contrario, sui mercati azionari gli investitori sono con il fiato sospeso a causa di Evergrande.

Bitcoin trascina il mercato crypto

Il nuovo ATH di Bitcoin ha trascinato i mercati crypto, oggi tendenti in gran parte al verde. A beneficiarne è soprattutto Ethereum che guadagna il 7% e si porta a 4.200 dollari, ad un passo dal suo record storico di 4.300 dollari toccato lo scorso maggio. 

Spicca ancora una volta Solana: la sesta criptovaluta per capitalizzazione di mercato mette a segno un balzo del 17% e si porta a 187 dollari. Anche SOL sembra essere sulla buona strada per recuperare il precedente record storico del 9 settembre, quando sfiorò i 216 dollari. 

Bitcoin dal canto suo oggi oscilla poco sotto i 65.000 dollari, guadagnando l’1%  sulle 24 ore. Il lancio del primo ETF su Bitcoin quotato al NYSE ha dato quello scatto che tutti stavano aspettando per fare in modo che BTC toccasse nuovi massimi. Dopo il lieve passo indietro di queste ore, c’è attesa per il lancio del prossimo ETF che sarà quello di VanEck. Il debutto è atteso per il prossimo 25 ottobre. 

Evergrande
Evergrande ha perso il 12%

Evergrande preoccupa le piazza asiatiche

Al contrario dei mercati crypto, le borse guardano con preoccupazione quello che sta succedendo ad Evergrande. Il colosso dell’immobiliare cinese ha comunicato il fallimento dei negoziati con Hopson Development Holdings alla quale avrebbe dovuto cedere il 50,1% delle quote della controllata Evergrande Property Service Group, la divisione per i servizi immobiliari. Questo implica che per Evergrande sussiste la crisi di liquidità che la sta portando sull’orlo del baratro. 

La cessione infatti era finalizzata proprio a reperire denaro per soddisfare almeno parzialmente gli obblighi con i creditori. Evergrande ha debiti per oltre 300 miliardi di dollari, ma il governo di Pechino al momento non sta intervenendo per salvarla. Un default sarebbe un duro colpo per l’economia cinese e rischia di avere conseguenze sul resto del mondo.

Questo spiega la tensione sui mercati: Evergrande ha chiuso le contrattazioni odierne sulla borsa di Hong Kong facendo segnare -12,54%. La sua performance ha influenzato tutto il mercato asiatico: Hong Kong ha chiuso in ribasso (-0,45%).

Il colosso cinese non è stato in grado di tranquillizzare gli investitori, avendo annunciato che al momento non ci sono garanzie sul fatto che Evergrande possa soddisfare i creditori. 

Bitcoin beneficia delle tensioni sui mercati

Questo stato di incertezza sui mercati azionari sta sicuramente contribuendo al nuovo rally di Bitcoin, visto sempre più come riserva di valore. 

Gli investitori infatti stanno spostando le loro attenzioni dalle azioni ordinarie al mercato delle criptovalute. Questo spiega anche l’enorme successo del primo ETF su Bitcoin. BITO ha già raggiunto un miliardo di dollari di AUM (assets under management): è il segno che c’era una fetta di investitori istituzionali che non stava aspettando altro che l’occasione giusta per entrare in Bitcoin. Finalmente è arrivata.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.