HomeBlockchainLe ultime novità dal Nearcon di Lisbona: Polygon Labs e Near Foundation...

Le ultime novità dal Nearcon di Lisbona: Polygon Labs e Near Foundation collaborano insieme per innovare il settore crypto e gli zk di Ethereum

Ecco tutte le ultime news dopo i primi due giorni del Nearcon di Lisbona, crypto evento dedicato alla community di Near in cui ogni anno vengono annunciate nuove tecnologie ed introdotte nuove sfide che l’ecosistema crittografico dovrà affrontare.

La notizia sicuramente più interessante riguarda una collaborazione tra Polygon Labs e Near Foundation, che hanno lavorato insieme per sviluppare un dimostratore a conoscenza zero per tutte le nuove catene L2 rollup su Ethereum.

In più, è da sottolineare come lo stesso team di NEAR si sia impegnato con diversi partner crittografici come StarkNet, Caldera, Fluent, Vistara, Dymension e Movement Labs  per innovare il settore della disponibilità di dati on-chain su Ethereum introducendo la nuova soluzione Near DA (Data Availability)

Vediamo tutti i dettagli di seguito.

Nearcon: Polygon e Near sviluppano un dimostratore a conoscenza zero per i nuovi rollup di Ethereum

Ieri, si sono aperte le porte del Nearcon di Lisbona, crypto evento incentrato sullo sviluppo dell’ecosistema decentralizzato Near, in cui è stata annunciata una partnership molto interessante con Polygon Labs.

I due progetti crittografici hanno, infatti, unito le forze per creare una soluzione a conoscenza zero per le catene che utilizzano lo standard Web Assembly (WASM).

Polygon ha presentato il proprio know-how riguardo i concetti di scalabilità su Ethereum con gli zk rollup, mentre Near ha offerto  la propria infrastruttura blockchain e la propria esperienza di runtime WASM.

Insieme i due team hanno creato la soluzione zkWASM che si posiziona in prima linea nel mercato web3, che funge da dimostratore a conoscenza zero per nuove reti rollup su Ethereum.

In pratica zkWASM rappresenta uno dei tre dimostratori disponibili per gli sviluppatori che scelgono di creare  con Polygon Chain Development Kit (CDK), una base di codice open source per il lancio di catene L2 basate su ZK per Ethereum.

Questa implementazione posiziona NEAR in una cornice di interoperabilità con il primo ecosistema decentralizzato del mercato crypto, consentendo alle catene WASM di attingere alla liquidità di Ethereum.

In futuro, attraverso un livello di interoperabilità in fase di sviluppo, le catene saranno anche in grado di accedere alla liquidità condivisa in un ecosistema unificato di catene distribuite CDK, inclusi layer-1 alternativi, layer-2 EVM e catene WASM.

Grazie a questa soluzione zk, le reti appartenenti all’ecosistema NEAR potranno regolare le transazioni in modo efficiente ed economico, sfruttando la massima sicurezza possibile e sbloccando il potenziale del web3 nella sua versione multichain.

Si tratta di un incredibile passo in avanti per la costruzione di un panorama blockchain sempre più funzionale ed in grado di sfruttare in maniera unificata tutte le risorse che sono  attualmente sparpagliate nelle varie reti decentralizzate.

Dalla conferenza Nearcon è emerso che Il presunto prover zkWASM verrà lanciato il prossimo anno e guiderà il mercato degli altri prover WASM.

Un prover zkWASM rappresenta essenzialmente un aggiornamento per i validatori NEAR: che ora potranno semplificare il lavoro di validazione di uno shard, grazie alla tecnologia zk. Ciò comporta una migliore scalabilità e una maggiore decentralizzazione per il protocollo NEAR

Sandeep Naiwal, co-fondatore di Polygon, ha commentato così la partnership tra i due team:

“Siamo orgogliosi di collaborare con NEAR su questa entusiasmante iniziativa di ricerca per guidare ulteriormente lo sviluppo e l’adozione della tecnologia ZK. 

Il prover zkWASM massimizza la personalizzazione degli sviluppatori, il che significa che i progetti potranno scegliere tra un numero di prover durante la creazione con CDK, sia che si tratti di lanciare o migrare una catena EVM, o di costruire una catena WASM per un più stretto allineamento con Ethereum e l’accesso alla liquidità”

Dall’altra parte  Illia Polosukhin, co-fondatrice di NEAR Protocol, è entusiasta dei progressi che sta facendo la sua chain per avvicinarsi sempre di più all’ecosistema di Ethereum. Queste le sue parole

“NEAR si sta integrando maggiormente con Ethereum innovando in nuove frontiere della ricerca, e l’esperienza condivisa di NEAR e Polygon espanderà il panorama ZK e deframmenterà la liquidità attraverso le catene. La creazione e l’utilizzo del prover zkWASM migliorerà anche la scalabilità e la decentralizzazione di NEAR L1”.

Near Foundation lancia Near DA ed esplora nuove soluzioni per una disponibilità economica e veloce dei dati sui rollup Ethereum

Tra le altre novità in casa Near emerse dal Nearcon di Lisbona, troviamo il lancio di una nuova soluzione per lo storage dei dati sui rollup di Ethereum, in collaborazione con StarkNet, Caldera, Fluent, Vistara, Dymension e Movement Labs.

Si tratta di Near DA, un’innovazione rivoluzionaria che offre una disponibilità di dati solida ed economicamente vantaggiosa per gli sviluppatori che creano catene L2 zk su Ethereum.

Questa implementazione riflette gli ultimi 3 anni di lavoro della Near Foundation che si è impegnata a fondo affinché la sua blockchain diventasse un punto fermo del panorama delle reti decentralizzate del web3.

Near offre infatti un ambiente economico e scalabile per gli utenti e sviluppatori che intendono lavorare in questo contesto: pubblicare i dati di rollup su NEAR rappresenta un processo 8.000 volte più economico rispetto alla pubblicazione sul L1 Ethereum.

Near DA offre dunque  diversi vantaggi agli sviluppatori delle piattaforme crittografiche, che possono continuare a costruire su ETH senza  dover affrontare costi elevati in termine di pubblicazione di dati, essendo le tariffe del gas totalmente trascurabili sulla chain Near.

Pensate che a partire, per pubblicare 100kB di dati di chiamate su Ethereum, gli optimistic rollup dovrebbero sostenere un costo di 26,22 dollari mentre la pubblicazione di questi dati su NEAR costerebbe solo 0,0033 dollari.

In questo modo NEAR Protocol sta espandendo le sue offerte per fornire un framework di sviluppo blockchain modulare sempre più funzionale ed ottimizzato per i fondatori di  piattaforme Web3.

NEAR DA espande le funzionalità dell’Open Web Stack di NEAR, un punto di accesso comune in cui sviluppatori e utenti possono facilmente creare, sfogliare e scoprire prodotti e applicazioni decentralizzate.

Illia Polosukhin, co-fondatrice di NEAR Protocol, ha dichiarato a tal proposito che:

“Offrire un livello di disponibilità dei dati ai rollup di Ethereum evidenzia la versatilità della tecnologia di NEAR, aiutando allo stesso tempo i fondatori di tutto il Web3 a fornire ottimi prodotti che ci avvicinano all’adozione mainstream dell’Open Web. 

L1 di NEAR è operativo con un tempo di attività del 100% da più di tre anni, quindi può offrire vera affidabilità ai progetti che cercano DA sicura pur essendo conveniente. NEAR fornisce ottime soluzioni agli sviluppatori, indipendentemente dallo stack su cui stanno costruendo e ora include il panorama blockchain modulare di Ethereum.”

Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS