HomeCriptovaluteAirdrop Dymension: fai il claim della crypto DYM prima che sia troppo...

Airdrop Dymension: fai il claim della crypto DYM prima che sia troppo tardi

Dymension, una blockchain L1 costruito su Cosmos, ha annunciato pochi giorni fa di aver rilasciato un airdrop destinata ad una vasta gamma di utenti appartenenti alle reti Ethereum layer-2 Arbitrum , Optimism , Base e all’imminente Blast.

Inizia così a gonfie vele la stagione degli airdrop del 2024, dopo che nell’ultimo trimestre del 2023 molti progetti dell’ecosistema Solana hanno sfruttato questa narrativa per ottenere traffico di rete ed attenzione da parte del pubblico.

Questo di Dymension, è disponibile per circa un milioni di utenti del mondo crypto, e potrebbe rivelarsi la prima chicca di quest’anno.

Controlla subito se sei eleggibile e puoi fare il claim: mancano solo pochi giorni!

Tutti i dettagli di seguito.

Che cos’è Dymension?

L’ultimo progetto crypto che è in procinto di rilasciare un airdrop è Dymension: si tratta di una blockchain di primo livello costruita su Cosmos e sul protocollo di comunicazione inter-blockchain (IBC) che consente di effettuare connessioni tra varie reti rollup.

Il suo scopo è quello di semplificare il processo di creazione di reti layer-2 incentrate sulla scalabilità, permettendo agli sviluppatori di scegliere a quale macchina virtuale appoggiarsi ,quale token utilizzare e quale piattaforma di “data availability” su cui fare affidamento.

Per riassumere in poche parole il caso d’uso principale di Dymension, possiamo riprendere quanto pubblicato dallo stesso progetto crittografico in un post su X: 

Dymension standardizza i rollup con IBC, in modo simile a come i token sono stati standardizzati con ERC”

Dymension è una rete innovativa,  caratterizzata dalle sue blockchain modulari note come RollApps, che fungono da front-end, offrendo agli utenti una piattaforma per diverse applicazioni come giochi, finanza decentralizzata (DeFi) e NFT.

Il progetto accorpa a sé il network Celestia, su cui può contare su archiviazione dati in tempo reale, efficiente ed adattabile alle varie necessità che si possono presentare.

A ricoprire un ruolo centrale in questa infrastruttura troviamo Dymension Hub, ovvero una specie di server back-end, che organizza le attività di rete, gestisce le richieste da RollApps e garantisce il funzionamento dell’intero ecosistema.

A conlcudere lo scheletro di questo progetto vediamo infine il Dymension RollApp Development Kit (RDK), basato su Cosmos SDK. 

Questo kit serve per facilitare la creazione di RollApps, offrendo strumenti essenziali e moduli predefiniti affinché gli sviluppatori possano creare e distribuire in modo efficiente le proprie applicazioni, ciascuna con componenti client e server distinti.

Tutto ciò contribuisce a creare un ambiente blockchain estremamente connesso e collaborativo, all’interno del quale le transazioni avvengono in modo fluido grazie e i dati dei rollup sono custoditi in massima sicurezza.

Il 2 gennaio Dymension ha rivelato una fase importantissima della sua esistenza, annunciando il cosiddetto “Genesis Rolldrop” con cui la rete blockchain verrà lanciata in mainnet ed il token DYM reso disponibile agli utenti interessati.

Assieme al Genesis Rolldrop è stato reso noto un airdrop dei token DYM dedicato a diverse categorie di utilizzatori di piattaforme web3, con un incentivo di 70 milioni di token pari al 7% dell’offerta totale.

Come verificare la propria eleggibilità e riscattare il crypto airdrop?

L’airdrop di Dymension è già live, e gli utenti risultati eleggibili  hanno tempo fino al 21 gennaio (ore 13.00 italiane) per riscattare la crypto DYM.

Nel blog post del progetto si può leggere chiaramente che gli utenti idonei ad ottenere gratuitamente il token fanno parte di diverse comunità, con un numero totale di indirizzi eleggibili pari a circa 1 milione di unità.

In primo piano troviamo gli utenti delle reti Ethereum layer-2 Arbitrum, Optimism, Base e Blast  che rappresentano gli  attori chiave nel progresso della tecnologia rollup: per questi sono stati stanziati circa 10.000.000 DYM (1% della fornitura totale). 

Questa allocazione funge sia da gesto di apprezzamento che da invito a sperimentare una piattaforma Dymension. L’idoneità per questa allocazione si basa sull’attività dell’utente su rollup, fondi in contratti bridge multi-sig e precedenti elenchi di airdrop.

Rientrano poi nella lista dei fortunati, tutti coloro che hanno messo in staking TIA in Celestia a partire dal 19 dicembre 2023, all’altezza del blocco 360.000 con un premio da 20.000.000 DYM (2% dell’offerta totale). 

L’idoneità per questa assegnazione richiede una quota minima di 1 TIA e un limite massimo di 5.000 TIA nel conteggio finale.

A seguire vediamo tutti i partecipanti delle community  Cosmos Hub e Stride che prima del 19 dicembre hanno messo in staking almeno 1 ATOM. In questa fattispecie rientrano  anche gli utilizzatori dell’exchange decentralizzato Osmosis e gli stakers del token OSMO.

Per loro la ricompensa è di 17.500.000 DYM (1,75% della fornitura totale).

Anche gli utenti che fanno parte dell’ecosistema Solana non mancano all’appello: 180.000 indirizzi che hanno sfruttato prima del 19 dicembre almeno uno tra i protocolli iWormhole, Tensore e Drip.Haus, hanno diritto a riscattare complessivamente 10.000.000 DYM (1% della fornitura totale). 

Il requisito in questo caso si rifà alla detenzione di un bilancio minimo di 1 SOL nella data citata precedentemente.

A concludere la lista degli utenti eleggibili per l’airdrop ci sono tutta una serie di holders di NFT, tra cui Mad Lads, Tensorians, Bad Kids e Pudgy Penguins che otterrano  un totale di 12.500.000 DYM (1,25% della fornitura totale).

Per verificare se rientrate all’interno di una di queste categorie, non serve altro che andare sul sito ufficiale del Gensis Rolldrop ed incollare il vostro indirizzo crittografico nell’apposita barra di ricerca, inserendo la chain di riferimento.

Se siete eleggibili, i token DYM vi verranno inviati in automatico il 21 gennaio: non serve fare nulla dunque dopo aver controllato il proprio indirizzo.

L’allocazione dell’airdop per ogni utente potrebbe aumentare se ci saranno dei token unclaimed.

airdrop dymension
Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS