HomeCriptovaluteBitcoinCathie Wood afferma che Bitcoin sta rimpiazzando lo storico ruolo dell’oro: previsioni...

Cathie Wood afferma che Bitcoin sta rimpiazzando lo storico ruolo dell’oro: previsioni molto ottimistiche per il crypto asset

Cathie Wood, nota CEO del gestore di fondi Ark Invest, sostiene la tesi che Bitcoin stia sul punto di rimpiazzare l’oro in quanto asset da riserva di valore, crescendo di adozione ed offrendosi al pubblico con maggiore appeal.

Da quando sono stati approvati i primi ETF spot sulla criptovaluta, gli investitori statunitensi hanno inviato a spostare i propri investimenti da oro a Bitcoin, fiutando la possibilità di un consistente apprezzamento nei prossimi anni.

La stessa Cathie Wood è fortemente bullish sull’oro digitale, tanto da prevedere un prezzo futuro di 1,5 milioni di dollari entro il 2030.

Tutti i dettagli di seguito.

Cathie Wood: è in corso un processo di sostituzione dell’oro con Bitcoin

Cathie Wood, investitrice miliardaria nonché CEO della società di gestione di investimenti Ark Invest, crede che Bitcoin stia sul punto di  rimpiazzare l’oro dopo oltre 50 anni di egemonia della materia prima gialla nei mercati finanziari internazionali.

Questo è quanto emerso in una chat del 4 febbraio con lo Chief Futurist di Ark  Brett Winton sul canale YouTube dell’azienda, dove Wood ha ribadito il suo sostegno pubblico per la criptovaluta dichiarando esplicitamente che:

“Rispetto all’oro, Bitcoin è in aumento. Ora c’è una sostituzione con Bitcoin e pensiamo che continuerà ora che esiste un modo meno pieno di attriti per accedere a Bitcoin”

Nonostante i recenti studi dell’analista di Bloomberg Mike McGlone abbiamo evidenziato una situazione più vantaggiosa per l’oro rispetto al suo corrispettivo virtuale con il rapporto tra le due risorse sceso di un 40% rispetto ai massimi di novembre 2021 (vedi grafico seguente)  Cathie Wood sembra essere convinta della resilienza della valuta crittografica.

In particolare, a convincere il CEO di Ark sarebbe il forte pump della crypto registrato durante la crisi bancaria regionale di marzo dello scorso anno in cui istituti finanziari come la Silicon Valley Bank, Silvergate Bank, Signature Bank, e la First Republic Bank sono state costrette ad interrompere le loro operazioni con un bail out del governo.

Da notare come in queste situazioni di crisi, Bitcoin rimane l’asset più “sicuro” su cui potersi posizionare per coprirsi dai rischi del mercato: mentre infatti l’indice delle Banche Regionali USA stava implodendo su se stesso, la crypto stava aumentando di valore.

bitcoin oro cathie wood

In questo contesto c’è da riconoscere però che anche l’oro ha soddisfatto le aspettative dei suoi investitori fungendo da bene rifugio durante gli ultimi anni e riuscendo a recuperare in fretta nuovi massimi dopo il mercato ribassista del 2022.

Da fine 2022/inizio 2023 la materia prima ha registrato un forte rally che ha spinto i propri prezzi da 1650 dollari per lingotto fino agli attuali 2025 dollari.

Anche Bitcoin ha stampato una traiettoria simile sul grafico, crescendo per tutto il 2023 senza però raggiungere nuovi massimi di prezzo.

In una recente analisi di Fidelity è emerso che la correlazione tra Bitcoin e oro è aumentata esponenzialmente dal 2022 in poi raggiungendo recentemente i suoi livelli più alti di sempre.

I due asset si sono disaccoppiati dalla precedente relazione inversa con i tassi di interesse

ed hanno iniziato a muoversi in maniera del tutto simile, ma con volatilità e volumi differenti.

Come possiamo osservare nel grafico di Longtermtrends, al momento la correlazione mobile su un anno tra Bitcoin e oro è pari a 0,80.

bitcoin oro cathie wood

Il CEO di Ark Invest prevede un prezzo di Bitcoin di 1,5 milioni di dollari entro il 20230

Non è una novità che Cathie Wood sia ottimistica sul futuro di Bitcoin: oltre ad aver elogiato più volte le migliori prestazioni della crypto rispetto a quelle registrate dall’oro, il CEO di Ark Invest ha rivelato pubblicamente di essere una fedele sostenitrice della moneta crittografica e della sua tecnologia sottostante.

Secondo un recente rapporto pubblicato proprio da ARK, veniva consigliato agli investitori di allocare una fetta estremamente alta del proprio portafoglio di investimenti, pari al 19,4%, in Bitcoin così da massimizzare i rendimenti futuri.

L’allocazione consigliata dal fondo era di solo lo 0,5% nel 2015, crescendo poi del 6,2% nel 2022 e sfiorando successivamente 20%  sulla scia dell’evoluzione della moneta crittografica e delle sue performance come asset class dominante dell’ultimo decennio.

Cathie Wood è così bullish su Bitcoin che in una recente intervista per la CNBC ha previsto un prezzo della crypto superiore ai 600.000 dollari entro il 2030 come scenario di base, mentre ha predetto un prezzo incredibile di 1,5 milioni di dollari nei prossimi 6 anni  nell’ipotesi di condizioni favorevoli per il settore crypto.

Se Bitcoin dovesse veramente arrivare a 1,5 milioni di dollari, avrebbe un incremento di ben 34,8 volte il prezzo attuale.

Il sostegno di Wood verso Bitcoin, molto più affiatato rispetto a quello per l’oro,  ha spinto il suo fondo di investimento ad iniziare ad offrire un’esposizione nei confronti della moneta arancione ai propri clienti, tramite un exchange traded fund.

L’ETF spot ARK 21Shares Bitcoin (ARKB) emesso dalla stessa ARK Invest l’11 gennaio in concomitanza dell’approvazione della SEC per altri 10 veicoli di investimento simili, ha raggiunto sin da subito una posizione privilegiata affermandosi come quarto fondo per AUM gestito.

Dietro solo a Grayscale, BlackRock e Fidelity, ARK 21 Shares controlla al momento 16.415 BTC per un controvalore di 705 milioni di dollari, in un trend di crescita giornaliero costante.

Ogni giorno vengono aggiunti centinaia, se non migliaia, di Bitcoin al fondo in questione, provenienti in parte dai clienti di Grayscale che si spostano per una maggiore convenienza a livello di commissioni. 

saldo bitcoin ark 21 shares etf

In merito al recente lancio degli ETF spot, Cathie Wood ha affermato di non essere rimasta sorpresa dal crash dei prezzi del 20% che ha coinvolto Bitcoin dall’11 al 22 gennaio.

Prima dei vari listing l’investitrice aveva previsto un evento tipico da “sell the news” con uno slancio ribassista tuttavia contenuto che si sarebbe esaurito nel giro di pochi giorni.

Wood rimane convinta del fatto che Bitcoin sia sulla strada giusta per registrare nuovi massimi nei prossimi mesi, con le “mani forti” che detengono ancora la maggior parte dei Bitcoin in circolazione.

A tal proposito è interessante osservare che dei 19,5 milioni di BTC in circolazione, 15 milioni non si sono mossi negli ultimi 155 giorni, confermando la prospettiva di apprezzamento di lungo periodo da parte dei maggiori investitori.

Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS