Coinbase: i cambiamenti del servizio e-money dopo la Brexit
Coinbase: i cambiamenti del servizio e-money dopo la Brexit
Criptovalute

Coinbase: i cambiamenti del servizio e-money dopo la Brexit

By Amelia Tomasicchio - 24 Gen 2020

Chevron down

Oggi Coinbase ha inviato una nuova email a tutti gli iscritti per informarli dei cambiamenti del loro servizio di e-money a causa della Brexit.

Visto che il Regno Unito uscirà dall’Unione Europea il prossimo 31 gennaio, Coinbase che ha il proprio servizio di e-money registrato negli UK cambierà banca, passando sotto la Central Bank of Ireland.

Ovviamente, questo cambio non comporterà nessuna perdita per gli utenti, ma per trasparenza Coinbase ha voluto comunicare il cambio di banca di riferimento.

Era già da qualche tempo che l’exchange Coinbase comunicava di tanto in tanto agli utenti che ci sarebbero stati dei cambiamenti in caso di Brexit. 

Di recente, Coinbase UK aveva comunicato il supporto a nuovi asset tra cui DAI, EOS, Tezos (XTZ) e Chainlink (LINK), che si sono aggiunti alle altre crypto precedentemente listate, ovvero BAT, 0x (ZRX), Augur (REP), Stellar (XLM) e Ripple (XRP). Proprio quest’ultima a inizio gennaio aveva registrato un importante record di prezzo, arrivando addirittura a valere ben 8000$, probabilmente a causa di un trader che aveva piazzato male un ordine di acquisto.

Inoltre, sempre pochi mesi fa, Coinbase aveva dovuto rimuovere le dApp dalla propria applicazione per iOS perché pare che Apple abbia deciso di eliminare completamente l’utilizzo delle dApp dal proprio App Store, forse per paura di scam o di troppa concorrenza.

Il servizio di Coinbase Custody

Altra interessante news che ha visto coinvolta Coinbase è quella relativa al suo servizio di custodia e il loro cliente Grayscale Investments, il quale è diventato il primo veicolo di investimento in crypto ad essere approvato dalla SEC americana.

Secondo una ricerca condotta proprio da Grayscale Investments pare che sui mercati di bitcoin e delle criptovalute sia arrivato anche denaro istituzionale.

Nel quarto trimestre del 2019, infatti, gli investimenti totali nei prodotti finanziari di Grayscale sono saliti a 607,7 milioni di dollari, con un investimento settimanale medio di 11,7 milioni, di cui 9,1 milioni sul Grayscale Bitcoin Trust.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.