HomeTradingNews ed analisi dei prezzi delle crypto Solana (SOL), Polygon (MATIC) e...

News ed analisi dei prezzi delle crypto Solana (SOL), Polygon (MATIC) e The Graph (GRT)

In questo articolo esaminiamo le ultime news del mercato crypto in relazione ai progetti Solana, Polygon e The Graph.

Vediamo poi come si stanno comportando sul fronte speculativo i 3 token ad essi associati, ovvero rispettivamente SOL, MATIC e GRT.

Dopo un lunga stagione di ribassi continui, forse con l’arrivo del 2024 e con l’halving di Bitcoin potremmo assistere ad una ripresa parziale di queste monete crittografiche e di tutto il comparto altcoin in generale.

Vediamo insieme tutti i dettagli.

Le ultime news dei progetti crypto Solana, Polygon e The Graph

Iniziando dalle news più rilevanti, vediamo quali novità ci sono all’interno del mercato crypto Per Solana, Polygon e The Graph, nei cui rispettivi team rientrano le menti più brillanti e all’avanguardia di tutto il settore.

Per quanto riguarda Solana, è da citare assolutamente l’ultima iniziativa del L1, che  sta perseguendo l’obiettivo di divenire uno dei layer crittografici di riferimento per le transazioni economiche di tutti i giorni nel mercato retail.

Ieri nel profilo X ufficiale del progetto, è stato ricordato al proprio pubblico che tramite il servizio “Solana Pay” è possibile inviare USDC in qualsiasi parte del mondo pagando una commissione irrisoria di 0,00025 dollari ed ottenendo un’esecuzione quasi istantanea.

Questo canale trustless è attuabile sia fisicamente che digitalmente per commercianti e negozi online.

Qualora il mondo delle stablecoin dovesse crescere di utilizzo e popolarità nei prossimi anni, Solana potrebbe ritagliarsi un posto nella classifica dei maggiori fornitori di soluzioni per pagamenti elettronici, dietro solo ai colossi Visa e Mastercard.

Spostandosi invece sul fronte Polygon, dobbiamo portare a conoscenza l’ultima collaborazione stretta con Manta Network, blockchain di tipo modulare che mira a diventare un layer-2 di Ethereum ZK.

Sfruttando il “Polygon chain development kit” (CDK), Manta potrà iniziare il suo processo di migrazione che porterà all’integrazione delle cosiddette prove computazioni a conoscenza zero.

Il vantaggio per il progetto di Sandeep Nailwal sarà che Manta porterà il suo ecosistema di applicazioni decentralizzate all’interno del regno ZK di Polygon, dove potrebbero esserci punti di contatto interessanti in futuro.

L’avvicinamento tra due mondi crittografici differenti non può che essere visto di buon occhio dalla community per gli enormi vantaggi dal punto di vista finanziario che potrebbe innescare.

Infine parlando di The Graph, possiamo confermare che il progetto sta lavorando per portare avanti la propria missione, che consiste nel rendere i dati del mondo blockchain disponibili ed aperti a tutti.

Uno dei core developer dell’azienda sta per introdurre un indicizzatore aggiornato che aiuterà i servizi ospitati ad ottenere informazioni più dettagliate riguardo i propri sottografi senza subire interruzioni di servizio.

Nel dettaglio il vantaggio di questo processo consiste nell’avvio dell’indicizzazione dei dati su più blockchain, offrendo allo stesso tempo ai propri utenti la possibilità di pubblicare gratuitamente sottografi di servizi ospitati su The Graph ed ottenere dati pre-sincronizzati per un utilizzo immediato.

Al momento questa funzione è presente solo su Arbitrum One.

L’indicizzatore aggiornato, ricorda il team del progetto crittografico, non competerà con altri indicizzatori e guadagnerà solo commissioni di query minimamente sostenibili visto che il suo scopo è quello di fungere da misura di fallback e meccanismo di bootstrap nel caso in cui il sottografo non sia attualmente supportato.

Analisi dei prezzi per le crypto SOL, MATIC e GRT

A questo punto passiamo all’analisi delle performance sul mercato crypto dei token Solana (SOL), Polygon (MATIC) e The Graph (GRT).

La valuta del layer-1 Solana sembra essere quella che, tra  le 3 analizzate, ha risposto meglio all’impulso rialzista di ieri di BTC dopo la fake news dell’approvazione dell’ETF spot per il fondo BlackRock.

SOL, infatti, nonostante la difficile giornata di ieri che sulla carta avrebbe dovuto generare pressioni di vendita sul settore altcoin, ha chiuso la candela giornaliera con un +9,25%, facendo intendere agli investitori che è pronta a galoppare a rialzo qualora si crei il contesto adeguato nel mercato.

Il prezzo attuale è di 24,41 dollari e si trova in un livello in cui probabilmente potrebbe esserci altra domanda pronta a supportare un altra strappata verso i 28 dollari.

Superati i 28 dollari si aprirebbe una prateria priva di resistenze considerevoli fino ai 40 dollari, tuttavia c’è da fare i conti con un elevato RSI che potrebbero mettere i bastoni tra le ruote da qui ai prossimi giorni.

Al momento è importante per SOL non perdere l’EMA 50 su time frame giornaliero e consolidare la propria quotazione al di sopra dei 25 dollari.

In caso di inversione e rottura del supporto a 22 dollari possiamo aspettarci facilmente un ritorno ai 18 dollari.

Per quanto riguarda MATIC, che con l’avvio della fase a Polygon 2.0 sarà ridenominato POL, la situazione sembra un po più grigia rispetto alla crypto precedente.

Nella giornata di ieri il token è cresciuto del 3,53% senza tuttavia riuscire ad invertire minimamente il forte trend ribassista che sta attraversando.

È ormai da gennaio 2023 che MATIC dumpa senza tentativi validi di rialzo, passando da 1,5 dollari agli attuali 0,52 dollari per un ridimensionamento complessivo superiore al 60% in 7 mesi.

Su time frame giornalieri la valuta è bloccata dall’EMA 50 che funge da resistenza per qualsiasi incursione dei tori che hanno provato a cambiare questa situazione drammatica.

Una delle crypto che più sembrava resiliente durante il bear market del 2022, si è rivelata molto debole in tutto il 2023.

La speranza è che con la crescita del Polygon zk-EVM e con lo sviluppo del “value layer di internet” di cui si è parlato nel manifesto di Polygon 2.0, anche MATIC possa ottenere il successo che merita.

Al momento, per essere ottimisti è necessario non perdere gli 0,5 dollari e provare a rompere definitivamente l’EMA 50.

prezzo crypto polygon matic

Trattando invece di GRT, token di The Graph, notiamo anche qui debolezza nel medio periodo, con i prezzi che sono continuamente alla ricerca di un supporto valido dal quale poter ripartire e formare un costrutto di bottom.

L’EMA 50 comanda come nel caso di MATIC, e respinge tutti i tentativi a rialzo che vengono puntualmente assorbiti con delle spike.

GRT viene da un un lunghissimi crypto winter iniziato a febbraio 2021 e dal quale deve ancora riprendersi.

Al momento, c’è una piccola speranza che tra settembre ed ottobre la moneta abbia trovato una base a 0,0078 dollari sulla quale i bear potrebbero avere difficoltà a far pressione.

Purtroppo GRT soffre di una scarsità di utilità all’interno del proprio ecosistema e deve affrontare delle sfide per aumentare la sua popolarità nel mercato dei retail per poter introdurre un po ‘di domanda sul mercato.

Qualora gli 0,09 dollari dovessero essere rotti a rialzo, con conferme di chiusura e con volumi a supporto, potremmo festeggiare la tanto attesa ripartenza del token crittografico.

Al momento, però, la situazione non sembra essere delle più rosee.

prezzo crypto the graph
Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS