HomeCriptovaluteCrypto airdrop: le prospettive del mercato e i trend emergenti

Crypto airdrop: le prospettive del mercato e i trend emergenti

La pratica degli airdrop nel mondo crypto è diventata ormai parte integrante del sistema finanziario delle valute digitali, con sempre più progetti pronti a rilasciare il proprio token attraverso questo sistema di incentivazione.

Dopo un ottimo 2023 per questa nicchia di mercato con gli airdrop di Arbitrum, Blur, Celestia e Jito che hanno dominato la scena, ecco che inizia con il botto anche il 2024.

Il lancio della crypto DYM, inaugurata solo pochi giorni, è rappresenta sono l’inizio di un anno che si prospetta in forte crescita per l’ecosistema degli airdrop.

Vediamo tutti i dettagli di seguito.

Parte con il botto il mercato dei crypto airdrop nel 2024

Il 2024 si preannuncia come un anno promettente per i cacciatori di crypto airdrop, i quali hanno già celebrato l’introduzione di quattro nuovi token di fascia medio-alta nel mercato degli asset digitali in questi primi mesi.

I progetti Jupiter, xAI, AltLayer e Dymension e le rispettive monete rispettive monete JUP, XAI; ALT e DYM. hanno dato il via alle danze distribuendo oltre 1,3 miliardi dollari ai relativi ecosistemi di utenti, che sono stati premiati per il loro contributo nello spazio crypto.

A fine gennaio Jupiter si è contraddistinto per aver airdroppato circa 700 milioni di dollari in token a tutti gli early users della propria applicazione, confermandosi come uno dei top protocolli costruito su Solana.

Dymension, che ha avviato la mainnet questa settimana (con non poche difficoltà), ha avuto esito di lancio complessivamente positivo avendo regalato poco meno di 400 milioni di dollari ad una lista di fortunati utenti, i quali ora potrebbero potenzialmente guadagnare anche  altri airdrop dallo staking di DYM.

Venendo da un 2023 in cui il valore totale dei pagamenti in airdrop, è stato approssimativamente 4,6 miliardi di dollari, possiamo dire di essere partiti con il piede giusto.

crypto airdrop

Sempre più progetti tendono a dedicare una parte della supply dei propri nuovi token ad incentivi per gli utenti tramite airdrop, visto i risultati registrati da altri ecosistemi in termini di traffico e volumi su blockchain.

Arbitrum, ad esempio, a distanza di  diversi mesi dall’airdrop di ARB, è riuscita a  mantenere alti il numero di transazioni e di indirizzi attivi sulla rete crittografica, portando anche ad aumento del TVL.

L’outlook generale dei mercati finanziari sembrerebbe addirittura poter favorire una narrativa espansiva che spingerebbe nuove crypto ad approfittare del momentum e fare il loro debutto sul mercato nell’anno corrente, con la Federal Reserve pronta ad eseguire il primo taglio sui tassi dei titoli di stanno entro giugno.

In un contesto del genere il 2024 potrebbe regalare soddisfazioni immense a chi si sta posizionando ora con il proprio indirizzo nelle varie blockchain e protocolli emergenti, talvolta anche se non si dispone di grandi capitali da bloccare.

Con il bull market alle porte, ci sono tutti i presupposti per superare i numeri dello scorso anno

I nuovi trend emergenti: ecco i migliori airdrop su cui puntare

In uno scenario stimolante come quello appena descritto, nuovi promettenti progetti attendono solo il momento giusto per dare vita alla propria crypto, con un airdrop annesso alle comunità.

Pochi giorni fa, il protocollo di trasferimenti cross-chain Wormhole ha pensato bene di sfruttare l’hype generato dall’airdrop di DYM, annunciando lo stanziamento del 17% della supply del nuovo token “W” a tutti coloro che hanno utilizzato la tecnologia di bridging.

Sempre rimanendo all’interno del tema dell’interoperabilità. nei prossimi mesi è atteso lo sbarco sul mercato di LayerZero e della moneta ad esso associato: il valore totale dell’incentivo che verrà pagato agli utilizzatori della piattaforma potrebbe essere uno dei più alti di quest’anno visto e considerando i volumi incredibili  di scambi registrati on-chain.

Altri trend emergenti nel contesto degli airdrop di criptovalute, riguardano il mondo del restaking di Ethereum, degli zk rollup layer-2 e delle applicazioni di gaming.

Nel dettaglio EigenLayer sta dominando il panorama dello staking di Ethereum, con 4,5  miliardi di dollari in ETH bloccati sulla piattaforma dagli utenti.

I cacciatori di airdrop hanno preso d’assalto le pool di restaking del protocollo nell’intento di sfruttare il boost sullo yield dello staking e di qualificarsi contemporaneamente anche  all’airdrop di EIGEN e di altri progetti affiliati come Etherfi, Swell, Puffer e KelpDAO.

Il requisito per ottenere la ricompensa è quello di mettere i stake i propri eth, nativi o liquidi, ed accumulare un minimo verosimile di 720 Restaked Points (che si ottengono in media bloccando 1 eth per un mese).

EigenLayer TVL DeFi

Un’altro trend molto cald al momento è quello dei layer-2 di Ethereum zk-rollup: infrastrutture di successo come Zksync, Starknet, Scroll e Linea hanno già pianificato un aiirdrop a tutti i membri dei rispettivi ecosistemi, con grandi investimenti VC alle spalle e con metriche on-chain boostate dalla fomo per il lancio di nuove crypto.

In tutti e quattro i casi citati per partecipare alla distribuzione dei fondi, è necessario puntare ad incrementare indicatori come periodo di attività, numero di transazioni, volume di scambio ed interazione con gli smart contract.

Potete visualizzare i vostri progressi attraverso dei tools  “airdrop checker”, dove controllare l’andamento delle proprie metriche per ogni indirizzo crittografico.

Infine, possiamo evidenziare come i protocolli di gaming che offrono esperienze di gioco ai propri utenti stiano sempre più adottano la pratica dell’airdrop per incentivare il traffico degli utenti.

Pochi giorni fa il noto gioco Pixels Online, costruito sulla sidechain Ronin di Axie Infinity, ha annunciato il lancio del proprio token dove aver concluso la sua campagna “play-to-airdrop” il 19 gennaio.

Circa 8000 giocatori in classifica si sono qualificati per i token, dopo un controllo anti-sybil  per eliminare la presenza in graduatoria di eventuali bot che hanno manipolato l’airdrop
Oltre a Pixel, molti altri progetti simili prevedono di lanciare una propria crypto entro la fine dell’anno.

Tra quelli più promettenti troviamo Heroes of Mavia, Saga, Nifty Island, Nyan Heroes, Apeiron.

Da sottolineare anche che diversi progetti DeFi che hanno introdotto elementi di gamificazione all’interno delle proprie piattaforme, come Aleo e Merkle Trade, hanno organizzato delle campagne di incentivazione in cui premieranno gli utenti che otterranno i punteggi più alti.

Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS